Ex Fcu, "Solo 7 milioni su 51 per ripristino tratta Castello-Umbertide", Fd'I e FI non ci stanno - Tuttoggi

Ex Fcu, “Solo 7 milioni su 51 per ripristino tratta Castello-Umbertide”, Fd’I e FI non ci stanno

Redazione

Ex Fcu, “Solo 7 milioni su 51 per ripristino tratta Castello-Umbertide”, Fd’I e FI non ci stanno

I due consiglieri di opposizione Lignani e Sassolini pronti ad interpellare il sindaco tifernate "Occorre somma più congrua e una tempistica certa sul ripristino"
Mer, 15/02/2017 - 16:47

Condividi su:


Ex Fcu, “Solo 7 milioni su 51 per ripristino tratta Castello-Umbertide”, Fd’I e FI non ci stanno

Il sindaco si attivi per una più equa distribuzione dei 51 milioni destinati alla linea ex Fcu; solo 7 milioni sono indirizzati al ripristino della Città di Castello-Umbertide. Non vogliamo nuovi disagi per i pendolari tifernati

A chiederlo con una interpellanza sono i consiglieri comunali Andrea Lignani Marchesani (Fratelli d’Italia) e Cesare Sassolini (Forza Italia).

I 51 i milioni destinati alla linea ex Fcu sono stanziati dal CIPE (Comitato interministeriale per la programmazione economica, ndr) per lavori che potrebbero durare fino a 4 anni: sono “palliativi” che difficilmente risolleveranno una ferrovia in stato comatoso. Si tratta infatti di interventi tampone, non organici, che presupporranno nuove rotture di carico e nuovi disagi per i pendolari. Sembra certo che solo 7 milioni verranno destinati al ripristino della Città di Castello-Umbertide mentre il Ministro Del Rio, in una risposta ad un’interrogazione parlamentare dello scorso novembre, aveva sottolineato che questi fondi saranno destinati solo a 50 km di linea, mentre verranno privilegiati interventi sul sistema di controllo marcia e su sistemi di segnalazioni e comunicazioni

E’ di questi giorni, poi, la notizia della chiusura del tratto Ponte San Giovanni-Sant’Anna, “che provocherà – proseguono Lignani e Sassoliniun’ulteriore rottura di carico, nuovi disagi e ritardi per i pendolari tifernati ed altotiberini diretti nel capoluogo”.

Nell’interpellanza depositata in data odierna i due consiglieri di opposizione chiedono al sindaco di “attivarsi per una più congrua somma da destinare al tratto nord della Ferrovia e per avere una tempistica certa sul ripristino; non è infatti accettabile che vengano spesi soldi, tra l’altro con risorse regionali, per il raddoppio e l’elettrificazione del tratto Ponte San Giovanni-Sant’Anna in quanto lavori assolutamente inutili”.

Vanno invece accelerati al massimo i tempi di ripristino e garantire una totale fruibilità della linea che magari consenta l’utilizzo dei “Minuetti”, oggi vergognosamente parcheggiati ad Umbertide. Meglio chiudere per qualche mese l’intera linea e riavere in tempi brevi un servizio accettabile che continuare con lavori a macchia di leopardo che comportano chiusure di tratti che rendono fortemente non competitivo il servizio

A meno che – concludono Lignani e Sassolini – non si voglia dolosamente perseguire una linea di azione tesa definitivamente a chiudere il trasporto su ferro in Valtiberina”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!