Elezioni, i nomi buoni (e quelli “ni”) per il Pd

Elezioni, i nomi buoni (e quelli “ni”) per il Pd

Fofo rompe gli indugi, anche +Europa con Giubilei


share

Più Europa Perugia entra nella coalizione di centrosinistra per sostenere il candidato sindaco Giuliano Giubilei alle amministrative. Nel pomeriggio, il direttivo comunale di +Europa – che ha dichiarato di condividere il lavoro finora portato avanti dalla coalizione, condensato nei dieci punti programmatici che Giubilei ha presentato alla stampa nei giorni scorsi, consultabili su www.giubileisindaco.it – ha presentato al candidato sindaco un documento che condensa gli argomenti principali della propria proposta elettorale.
Il documento (che si articola in quattro punti: Perugia +Europea, Più Ambiente, Più Mobilità, Più Welfare) è stato sottoscritto da Giuliano Giubilei, determinando ufficialmente l’accordo per l’ingresso nello schieramento elettorale.
Alla sottoscrizione erano presenti anche alcuni candidati di +Europa, che inoltre sta lavorando per presentare una lista a sostegno della candidatura di Giubilei a sindaco di Perugia.

Fofo scende in campo

Intanto, all’elenco delle persone che hanno scelto di candidarsi nelle due liste civiche che Giuliano Giubilei sta predisponendo si aggiunge Fabrizio Croce, da tutti conosciuto come Fofo. Era stato tra i personaggi del mondo della cultura che avevano parlato all’inizio della campagna del candidato sindaco del centrosinistra, al Cral Perugina. Ma la sua candidatura non era comunque scontata.
Poi, Fofo ha rotto gli indugi ed ha deciso di metterci, oltre che la faccia, anche il suo nome (sulla scheda elettorale). Ricorda di aver rifiutato, in passato, altre “chiamate alle armi“. “Prima volevo sfogare l’energia che avevo dentro” prosegue. Per poi spiegare il senso del suo impegno accanto al candidato del centrosinistra: “Oggi ho accettato di far parte della lista civica per Giubilei Sindaco sperando che anche altri in città con esperienze da trasmettere credano in questo progetto impegnandosi in prima persona“.

I nomi per il Pd

Se Giubilei ha praticamente le mani libere nella scelta dei candidati nelle sue liste, più complesso sfogliare la margherita e individuare i nomi buoni per la lista Pd, tra scatti in avanti e indietreggiamenti, appelli, lettere e veti. Rompe gli indugi Francesco Giacopetti, che ha già preparato il suo “santino” digitale: “Nella vita come nella politica bisogna metterci la faccia e io non mi sono mai tirato indietro“, scrive.
In lista con lui, quasi sicuramente, il segretario del circolo Pd di San Marco Francesco Zuccherini, Nicola Paciotti da Colombella, Francesco Lubello. Professione di fede nei confronti di Giubilei anche da parte di Marko Hromis. Resta il nodo deroghe: scontata quella per Erika Borghesi (consigliere provinciale per Perugia), mentre su Alvaro Mirabassi si è accesa la faida. Della pattuglia del Consiglio comunale, dentro Sarah Bistocchi, Emanuela Mori ed Elena Ranfa.
Altro nodo, quello dei big. Come per la questione deroghe, anche sul fatto di schierare nomi “pesanti” in grado di portare voti, anche se assumono già altri incarichi, il segretario regionale Bocci predica pragmatismo e buonsenso. La porta a consiglieri e assessori regionali, insomma, non è sbarrata, nonostante dai Circoli territoriali i giovani invochino rinnovamento. Non hanno di questi problemi Andrea Cernicchi e Valeria Cardinali, già assessori a Palazzo dei Priori, particolarmente attivi in questa campagna elettorale.

share

Commenti

Stampa