Educazione alimentare e lotta allo spreco, premiati gli elaborati degli studenti

Educazione alimentare e lotta allo spreco, premiati gli elaborati degli studenti

Giornata conclusiva del progetto “Il cibo per una cultura del territorio”, coinvolti gli studenti di Manzoni, Pianciani e Dante Alighieri

share

Ieri mattina alla scuola Pianciani, alla presenza del vice sindaco Maria Elena Bececco e con il coordinamento della dietista del Comune di Spoleto Elena Foglia, 250 studenti delle scuole secondarie di primo grado hanno partecipato alla giornata conclusiva del progetto “il Cibo per una cultura del territorio” che, insieme al percorso “Orto a scuola il tempo vola”, fanno parte dei percorsi progettuali promossi e finanziati dal Consorzio Abn per le scuole di Spoleto.

Le classi 2 D e 2 C della Manzoni, 2 A, 2 C, 2 D e 2 E della Pianciani, 2 A e 2 B della Dante Alighieri hanno presentato i propri elaborati, frutto del percorso di educazione alla sana alimentazione e alla lotta alla spreco alimentare in collaborazione con Legambiente e Comune di Spoleto.

I ragazzi, con l’aiuto degli educatori ambientali, hanno affrontato le tematiche relative alla sana alimentazione, al benessere ambientale, alla sostenibilità, alla cultura del territorio e delle tradizioni e si sono cimentati nella produzione di un elaborato (artistico, narrativo, progettuale) legato al tema dell’alimentazione e dello spreco alimentare finalizzato a concorrere per l’assegnazione di un premio di 500 euro.

Durante la mattinata le classi hanno presentato i loro lavori ad una commissione composta da Fausto Spilla per il Corsorzio Abn, Brigida Stanziola per Legambiente, Annamaria Scocchetti per l’ Istituzione Scolastica, Francesca Palazzi per il Comune di Spoleto.

Per l’originalità dei lavori presentati la commissione ha assegnato il premio ex equo alle classi 2 A della Pianciani e 2 A della Dante Alighieri, ma si è complimenta con tutti gli alunni e le insegnanti per la qualità dei lavori – che si sono rivelati ricchi di contenuti, originali nell’utilizzo dei linguaggi espressivi – e per l’impegno e il coinvolgimento dimostrato dagli alunni.

(modificato alle ore 12.50)

share

Commenti

Stampa