Donate all'Accademia opere di Umberto Gualaccini - Tuttoggi

Donate all’Accademia opere di Umberto Gualaccini

Redazione

Donate all’Accademia opere di Umberto Gualaccini

Venti opere dell'artista perugino alla "Vennucci"
Ven, 22/11/2019 - 10:11

Condividi su:


Tra dipinti e disegni, sono una ventina le opere dell’artista perugino Umberto Gualaccini donate dagli eredi all’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci”. Un gesto che la signora  Anna Maria Gualaccini Spadolini si è impegnata a predisporre con un legato testamentario mediante il quale verranno assegnate all’antica Istituzione le opere già selezionate, e che è stato sugellato da una calorosa presentazione che si è tenuta stamattina nell’aula dell’“Ercole Farnese”. Dopo i saluti del presidente e del direttore dell’Accademia, rispettivamente Mario Rampini e Emidio De Albentiis, ad introdurre i lavori è stato il Conservatore dei beni, Giovanni Manuali, grato di poter aggiungere al patrimonio dell’Accademia altre opere di artisti perugini che si formarono nella nostra Istituzione: un gesto spontaneo che arricchisce la conoscenza, assieme al vasto repertorio di opere presente in famiglia, di un abilissimo artista e disegnatore, non molto ricordato e citato.

Umberto Gualaccini nasce a Perugia nel 1863. Giovanissimo si iscrive all’Accademia, che frequenta nel decennio 1875-1885 sotto la guida di Silvestro Valeri e Francesco Moretti, distinguendosi sin dagli esordi con la vincita del primo premio nella classe di ornato e in quella di architettura.

L’importante legato testamentario offre l’occasione di riportare alla conoscenza del pubblico e all’attenzione della critica l’interessante profilo di un artista perugino che, nonostante il successo riscosso in vita, è sinora stato scarsamente oggetto di organici ed esaustivi approfondimenti di carattere storico-artistico. È stata così assegnata ad Irene Panfili, storica dell’arte, una borsa di studio messa a disposizione dal Lions Club Perugia Centenario (presente il presidente Ezio Vescovi), per redigere uno studio approfondito e mirato sulla figura dell’artista.

Già nel testamento, mio zio, che era nipote di Umberto Gualaccini – ha spiegato Riccardo Spadolini – aveva espresso la volontà di fare una donazione all’Accademia di una quota rappresentativa dei quadri del nonno, per onorare la sua memoria. Ora, grazie alla borsa di studio messa a disposizione dal Club, intitolata a Corrado Costantini, socio fondatore dello stesso Club, venuto a mancare lo scorso anno, persona sempre amante dell’arte e della cultura, sarà portata avanti una ricerca storica sull’artista, alla quale si auspica faccia seguito una pubblicazione”. Uno studio, il cui “obiettivo primario – ha sottolineato Irene Panfili – è quello di ricostruire con maggior accuratezza il percorso formativo e professionale di Umberto Gualaccini alla luce delle fonti documentarie conservate negli archivi accademici e di famiglia, in modo da inquadrare coerentemente l’ampio catalogo a sua firma a oggi noto. Si andranno quindi a evidenziare le specificità della produzione gualacciniana nel contesto perugino compreso fra la fin de siécle e le due Guerre, così che la Città possa aggiungere un nuovo tassello al quadro conoscitivo della propria identità artistica e incrementare conseguentemente la consapevolezza della propria dignità storica”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!