Covid in Umbria, altri 6 decessi. Scuola: in isolamento 109 classi - Tuttoggi

Covid in Umbria, altri 6 decessi. Scuola: in isolamento 109 classi

Redazione

Covid in Umbria, altri 6 decessi. Scuola: in isolamento 109 classi

Mar, 18/01/2022 - 12:27

Condividi su:


La situazione odierna sul Covid in Umbria e l'analisi dell'Aur: curva in discesa

Si conferma la curva in discesa dei casi di Covid in Umbria: anche oggi, 18 gennaio, si registrano più guariti (ben 3444) che nuovi casi (2421). Gli attualmente positivi sono attualmente 26651. Purtroppo però ci sono altri 6 decessi di positivi al Covid, 1568 all’inizio della pandemia.

Scendono i ricoverati in ospedale, 217 (-11), di cui 12 (-1) in terapia intensiva. All’ospedale di Perugia sono ricoverati in 74 (4 in terapia intensiva), a Terni 49 (7 in intensiva). A Pantalla ci sono 21 ricoverati positivi al Covid, 14 a Branca, 24 a Città di Castello e 35 a Foligno.

Per quanto riguarda i contagi nelle principali città dell’Umbria, a Perugia i positivi sono 4086, a Terni 3625. A Foligno i casi attualmente positivi sono 1790, a Spoleto 1044 mentre a Città di Castello 1199. A Gubbio 823 casi, ad Assisi 924, a Bastia 774. Nella Media Valle del Tevere, i casi a Todi sono 579, a Marsciano 469. Nel ternano, a Narni si hanno 642 positivi, mentre ad Amelia 392. Ad Orvieto infine i casi sono 536.

Covid in Umbria, la situazione nelle scuole

Intanto arrivano i dati relativi alle scuole dopo poco più di una settimana dalla riapertura (ma per alcuni Comuni, come Spoleto ed Amelia, i bambini sono tornati in aula soltanto ieri).

La Regione fa sapere che alla data di oggi, martedì 18 gennaio, in Umbria risultano in isolamento 109 classi e in attenzione 100: di queste, 84 sono ricomprese nel territorio dell’Usl 1 e 25 dell’Usl2.

L’analisi dell’Aur: curva in discesa

Secondo il matematico del Cnr Giovanni Sebastiani, l’Umbria ha raggiunto il picco il 5 gennaio, prima regione in Italia. Ed a confermare, come ormai si vede da giorni, che la curva dei contagi da Covid in Umbria è in discesa è l’Aur, l’Agenzia Umbria ricerche.

” A partire dalla metà di dicembre 2021 – evidenzia l’Aur – si è assistito ad un incremento vertiginoso del numero di casi COVID-19 diagnosticati. Questo notevole incremento, registrato in tutto il paese, è stato particolarmente evidente nella regione Umbria. Fortunatamente, il numero di casi positivi registrati non si è tramutato, almeno fino a questo momento, in una pressione insostenibile sul sistema sanitario regionale, probabilmente a causa della larga percentuale di vaccinati tra la popolazione e la minore virulenza della variante omicron”.

Dall’analisi dei tamponi molecolari, “fino all’inizio di dicembre la situazione risultava nel complesso piuttosto tranquilla, con valori stimati del tasso di positività attorno al 5%. Invece, durante il mese di dicembre si è assistito ad repentino incremento che ha portato a valori medi stimati di circa il 25% alla fine del mese, ovvero 5 volte il valore di inizio mese. Da notare, infine, che a partire dai primi giorni del 2022 la curva mostra un deciso decremento, seppure ad un ritmo inferiore rispetto a quello con cui era cresciuta”. La ricerca dell’Aur conclude che “a meno di fatti nuovi che intervengano (connessi con la riapertura delle attività lavorative e delle scuole), è ragionevole supporre che la curva dei contagi continui la sua discesa anche nelle prossime settimane”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!