Contributi a fondo perduto per le Città santuario: da Assisi parte la mobilitazione - Tuttoggi

Contributi a fondo perduto per le Città santuario: da Assisi parte la mobilitazione

Flavia Pagliochini

Contributi a fondo perduto per le Città santuario: da Assisi parte la mobilitazione

Mar, 01/12/2020 - 17:16

Condividi su:


Contributi a fondo perduto per le Città santuario: da Assisi parte la mobilitazione

Il turismo è messo in ginocchio dalla pandemia: dalla città serafica ci si appella nuovamente al governo

Da Assisi parte la richiesta delle “Città santuario”, quelle realtà – come  Loreto, Pompei e San Giovanni Rotondo, comuni di piccole e medie dimensioni – che, con i loro luoghi di culto e di devozione, meta del pellegrinaggio internazionale, danno prestigio e rilevanza all’intera nazione italiana. E che sono messe in ginocchio dalla pandemia, con tutto il loro tessuto produttivo, che vive quasi esclusivamente di turismo.

I numeri di una crisi

La premessa è che il 2020 è da considerarsi l’anno nero del turismo a causa della pandemia che da marzo ha in pratica azzerato le presenze ad Assisi. Un danno gigantesco, immane, che ha colpito migliaia di attività economiche mettendo in ginocchio esercenti e seriamente a rischio tantissimi posti di lavoro. I dati sono impressionanti: il raffronto con il 2019, quando nella Città Serafica ci sono state 1,3 milioni di presenze , e i primi 6 mesi del 2020 che  registrano un – 75 per cento è emblematico di una crisi senza precedenti. Secondo i conteggi del sindaco, Stefania Proietti, a rischio ci sono circa 2.000 famiglie. E le altre città santuario non stanno meglio.

Mozione sulle città santuario approvata all’unanimità

“Assisi, come è risaputo, è uno dei centri mondiali della spiritualità, meta continua di pellegrinaggi, luogo prescelto da Papi e Capi di Stato e di Governo, e nonostante questo non è stata inserita nell’elenco del decreto legge dell’agosto scorso, poi convertito in legge in ottobre,  tra le città d’arte beneficiarie di contributi a fondo perduto, in quanto non è capoluogo di provincia”, ricorda l’amministrazione comunale. E ora il consiglio comunale prova a dare una risposta a quelle duemila famiglie che rischiano il tracollo. Approvata all’unanimità una mozione presentata da Assisi Domani, Partito democratico e Movimento 5 Stelle avente a oggetto “contributi a fondo perduto per attività economiche nei centri storici”. 

Nella seduta di ieri del consiglio comunale è stata presentata la mozione con cui si chiede al sindaco e alla giunta di adoperarsi e farsi portavoce presso la presidenza del Consiglio, i ministeri, i parlamentari umbri e la Regione “affinché venga inserito nella legge di bilancio un capitolo di spesa riguardante esclusivamente le “Città Santuario”, ovvero quei comuni di piccole e medie dimensioni che, con i loro luoghi di culto e di devozione, meta del pellegrinaggio internazionale, danno prestigio e rilevanza all’intera nazione italiana”.

I capigruppo che hanno firmato la mozione (Giuseppe Cardinali, Federico Masciolini e Fabrizio Leggio) hanno inoltre chiesto che vengano coinvolte le amministrazioni pubbliche dei comuni che ospitano santuari come, appunto, Assisi e ad esempio Loreto, Pompei, San Giovanni Rotondo, al fine di predisporre quanto prima e comunque entro la primavera del 2021 un specifico contributo a fondo perduto rivolto esclusivamente ai soggetti dei centri storici dei comuni citati esercenti attività di impresa di vendita di beni o servizi al pubblico.

Proietti: “Mobilitazione della città intera, senza divisioni”

“Questo sta a testimoniare – ha commentato il sindaco Stefania Proietti – che su certi temi, certe situazioni non ci sono e non ci possono essere divisioni o appartenenze. La crisi del turismo e dell’accoglienza ad Assisi è profonda, interessa tantissimi esercizi e posti di lavoro, e fare qualcosa, anche un atto come questo, significa fare il bene della nostra città. E al di là degli schieramenti ringrazio tutti i consiglieri che con senso di responsabilità hanno approvato la mozione”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!