Consiglio, maggioranze mobili: 2 modi di dire "no" (e un "ni") al Nodino

Consiglio, maggioranze mobili: 2 modi di dire “no” (e un “ni”) al Nodino

Massimo Sbardella

Consiglio, maggioranze mobili: 2 modi di dire “no” (e un “ni”) al Nodino

Mar, 04/05/2021 - 07:37

Condividi su:


Consiglio, maggioranze mobili: 2 modi di dire “no” (e un “ni”) al Nodino

Parte della maggioranza vota l'ordine del giorno del centrosinistra, che si astiene su quello di Progetto Perugia | I chiarimenti di Morbello

Maggioranza mobile in Consiglio comunale, dove sono andati in scena tre modi differenti di dire “no” al Nodino, la variante stradale di Collestrada a cui sta lavorando l’Anas.

L’ordine del giorno del centrosinistra, che invita l’amministrazione a trovare soluzioni alternative e meno impattanti, è stato approvato con i voti favorevoli dei consiglieri di Progetto Perugia, Perugia Civica e riformista, Forza Italia, Blu, Rete Civica Giubilei, Pd, Idee Persone Perugia, Italia Viva e della capogruppo M5S Tizi, mentre si sono astenuti i consiglieri leghisti Mattioni, Ricci, Valigi, Casaccia e Bonifazi , i consiglieri di FdI Mencaglia, Nannarone e Giustozzi, e la consigliera pentastellata Morbello.

Nodino, la minoranza
plaude al “Romizi ribelle”

L’ordine del giorno di Progetto Perugia, che chiede l’istituzione di un tavolo tecnico con Anas e Regione sul Nodino e interventi sulle quattro corsie e la viabilità secondaria, è stato approvato con 18 voti favorevoli (Mattioni, Valigi, Bonifazi, Casaioli, Puletti, Volpi,Vignaroli, Rampichini, Mencaglia, Nannarone, Giustozzi, Befani, Arcudi, Pici, Cagnoli, Cesaro, Renda, Mori) e 9 astensioni (Giubilei, Bistocchi, Zuccherini, Borghesi, Ranfa, Paciotti, Croce, Maddoli, Morbello).

Una catena umana per sciogliere
il Nodo di Perugia

La doppia astensione di Morbello

Astenuta su entrambi gli atti la pentastellata Morbello: “Sono a favore della partecipazione e della condivisione – ha così argomentato – ma non sono d’accordo con la narrazione che si vuol far passare contro il Nodino, che chiaramente rappresenta il primo stralcio del Nodo di Perugia”. Che mette anche in guardia dalla “sindrome Nimby di chi non vuole la strada “nel primo cortile”. Insomma, per Morbello si trovi una soluzione soddisfacente per Nodino, purché venga completato il Nodo, accompagnato dall’Alta Velocità.

Il Nodo in maggioranza

Certo, politicamente il “nodo” da sciogliere (con la “n” minuscola questa volta) è per il centrodestra. Che si trova con l’assessore regionale leghista (ma non troppo) Melasecche a spingere per realizzare la variante e la maggioranza di Perugia che è invece perplessa sull’opportunità dell’opera, vista anche la forte mobilitazione contraria di associazioni e comitati. Pubblicamente a favore del Nodino, infatti, finora si sono espressi soltanto gli industriali della sezione di Perugia.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!