Congiunti e fidanzati, il dubbio che attanaglia il web nella Fase 2 - Tuttoggi

Congiunti e fidanzati, il dubbio che attanaglia il web nella Fase 2

Redazione

Congiunti e fidanzati, il dubbio che attanaglia il web nella Fase 2

Il dubbio amletico e le critiche dopo il nuovo Dpcm del 26 aprile e l'inizio della Fase 2. E la parola congiunti è tra le più cercate su Google
Lun, 27/04/2020 - 15:53

Condividi su:


Congiunti e fidanzati, il dubbio che attanaglia il web nella Fase 2

Se tecnicamente siamo tutti figli di Dio, rientra questa definizione nella visita ai congiunti? Chiedo per un’amica”. L’Italia insorge così sul web dopo la conferenza stampa serale di domenica 26 aprile, che lancia il presidente del Consiglio in un parapiglia crescente.

Imperversano nei trend topics di Twitter gli hashtag #Contedimettiti (oltre 12.000 tweet), #fase2 e #congiunti che sfonda di gran lunga i 5.200 tweet dalla notte in cui viene rilasciato il nuovo Dpcm.

I fidanzati sono congiunti?

Ma Laura non si scoraggia e scende direttamente in campo con il dizionario Zingarelli che riporta: “Congiunti: legato da parentela, amicizia e simili“.

Si possono vedere i fidanzati? I fidanzati sono congiunti? È questa la domanda che impazza sul web e trova subito risposte ironiche: “No, potresti essere fidanzato con più persone“, scrive qualcuno. Mentre qualcun altro consiglia: “No, però puoi sempre sposarla”.

L’Italia sui social parla chiaro e si schiera contro “la sciocca scelta familista del governo”, commenta qualcuno. Mentre Davide ammonisce: “Si è scoperto che il virus fa distinzione tra congiunti e amici. Interessante”.

Luca dal canto suo non si fa trovare impreparato e riflette: “Puoi andare a trovare la zia che non vedi da 20 anni, ma non puoi rivedere dopo 50 giorni il tuo compagno o compagna perché non sei sposato o unito civilmente. No, non è giusto. No, non va bene“.

I suggerimenti dal web

È un grido corale e unito quello che si alza dal web per indicare al governo ciò che ha sbagliato, e c’è perfino chi fornisce spunti alternativi per l’applicazione delle nuove misure. “Bastava chiedere di indicare una o due case di persone a cui si è legati che si vuole poter visitare” propone Mauro. “Ciò avrebbe permesso di non continuare a discriminare le coppie“.

Congiunti tra i termini più cercati su Google

Non è un caso, infatti, che alle 20.40 di domenica sera Google Trends rilevi il picco massimo di ricerche per il termine ‘congiunti’, raggiunto, ancora, attorno alle 22.30 per ricominciare a crescere dalla prima mattina di oggi.
Google riporta inoltre che è la Sardegna la regione che ha fatto il pieno di click sul termine, seguita da Abruzzo, Lombardia, Sicilia e Umbria.

Aumentano, poi, del 900% le ricerche ‘Corte di cassazione’ correlate alla parola ‘congiunti’ e oscilla tra il 200 e il 160% la percentuale di associazioni relative a ‘unione civile’, ‘ragazza’ o ‘congiunti fidanzati’.

A incuriosire, inoltre, è l’impennarsi del 250% delle ricerche relative all’articolo 307 del codice penale, che definisce ‘l’Assistenza ai partecipi di cospirazione o di banda armata’. Qual è la ragione per cui tutti lo ricercano? Cosa c’entrano cospirazioni e bande armate con la fase 2? La risposta è presto servita: l’articolo 307 del codice penale italiano sembrerebbe essere l’unico in cui viene fornita una chiara definizione di ‘prossimi congiunti’. “Gli ascendenti, i discendenti, il coniuge, la parte di un’unione civile tra persone dello stesso sesso, i fratelli, le sorelle, gli affini nello stesso grado, gli zii e i nipoti“.

Cammineremo “col vocabolario aperto sulla parola congiunti – rilancia Rosy- perché tu vallo a spiegare alle forze dell’Ordine che una cara amica è più di un congiunto”.

Simona non attende e rincara la dose: “Penso a tutte le persone che non hanno più una famiglia di sangue, perché credetemi ne esistono tante, penso a quelle che invece li hanno ma sono troppo lontani – twitta – E penso che ancora oggi fare differenza fra legami di sangue o no, a me fa venire i brividi“.

L’ironia su Conte e Di Maio

C’e’ chi non perde l’umorismo e rilancia l’appello a Conte, ormai divenuto virale: “Giuseppe cioè ci puoi fare due colonne tipo: si può e non si può? Perché così è troppo difficile”.

E chi invece rispolvera vecchie battute scherzose rivolte ai membri del governo, e sotto una foto del ministro Di Maio scrive: “Per i congiunti è fatta! Per i congiuntivi ci stiamo ancora lavorando“.

Congiunti, aggiunge Ale, “secondo il Corriere include i fidanzati. Secondo Repubblica no. Conte forse intendeva i congiuntivi“. Certo è che, conclude Francesca attaccando, “ci voleva proprio una task force per stabilire che la fase 2 è praticamente uguale alla fase 1, più la presa in giro su congiunti e parrucchieri“.

[Agenzia Dire]