Cluster Nautico dell'Umbria, a Terni il rapporto di fine anno del progetto voluto da Confcommercio - Tuttoggi

Cluster Nautico dell'Umbria, a Terni il rapporto di fine anno del progetto voluto da Confcommercio

Redazione

Cluster Nautico dell'Umbria, a Terni il rapporto di fine anno del progetto voluto da Confcommercio

Ven, 21/12/2012 - 18:00

Condividi su:


Si è svolta questa mattina presso la Camera di Commercio di Terni la conferenza stampa di fine anno del Cluster Nautico dell’Umbria alla quale sono intervenuti il Presidente della Camera di Commercio Enrico Cipiccia, il Presidente del CEU-Centro Estero dell’Umbria Gianluigi Angelantoni, il Dott. Franco Billi in rappresentanza della Regione Umbria. Si è trattato di un’occasione utile per informare circa l’attività del Cluster e dare ampia divulgazione agli eccellenti risultati finora ottenuti.

Il Presidente del Cluster Luciano Franceschini ha poi colto l’occasione per ribadire la volontà di tutti i Soci di proseguire con entusiasmo e convinzione il percorso, rafforzando ulteriormente la proficua collaborazione instaurata tra e le aziende raggruppate nel Cluster e gli enti pubblici che hanno creduto nel progetto e ne hanno significativamente supportato la realizzazione.

Il Presidente Cipiccia, introducendo i lavori, ha plaudito all’iniziativa incoraggiando i componenti del Cluster a fare ancora di più, possibilmente con l’evoluzione del progetto in una vera propria rete d’impresa, nella consapevolezza che questa è la direzione giusta per il futuro e che quanto fin qui fatto nella nostra regione, peraltro positivamente, nella creazione dei raggruppamenti d’impresa costituisce solo una “prima tappa di un cammino che deve portarci molto più avanti se vogliamo restare competitivi nel mondo”.

Anche il Presidente Angelantoni ha sottolineato che il “contesto competitivo internazionale è ormai tale per cui soltanto se si va insieme e ben organizzati si possono avere chanches vincenti”. Angelantoni ha poi sottolineato come il CEU proseguirà il suo operato anche grazie alla nuova linea di finanziamento dedicata dalla Regione proprio per i Cluster d’imprese e lo farà cercando di semplificare ancor di più le procedure operative e rendendo sempre più brevi i tempi che intercorrono tra la programmazione e la concretizzazione degli interventi.

Il Dott. Billi, da parte sua, ha assicurato l’impegno della Regione a rendere disponibili tutti gli strumenti possibili per aiutare le imprese ad andare alla conquista di nuovi mercati, proseguendo nel solco di quanto già realizzato nei primi due anni di vita del CEU.

Il Cluster Nautico dell’Umbria nasce dalla comune volontà di un raggruppamento d’imprese umbre, tra loro indipendenti, che operano ormai da anni nel settore della nautica da diporto con specifico riferimento al segmento dei maxi yacht. Queste imprese, attraverso una serie di attività propedeutiche, supportate anche dalle Istituzioni regionali e soprattutto da Confindustria Terni, sono giunte a progettare e poi creare il Cluster Nautico dell’Umbria.

Le aziende umbre che si ritrovano nel Cluster sono attualmente nove: C.E.L.I. COSTRUZIONI E LAVORI INDUSTRIALI S.P.A. di Stroncone (TR); E-TECH S.R.L. di Terni; F.LLI CANALICCHIO S.R.L. di Terni; DIVANIA S.N.C. DI PICCIOLINI ALBERTO E C. di Terni; GAROFOLI S.P.A. di Terni; PAOLINI S.P.A. di Narni (TR); OFFICINA MECCANICA MARIANI S.N.C. di San Venanzo (TR); ROCCO MARMI S.R.L. di Terni; SIFAR PLACCATI S.R.L. di Città di Castello (PG).

Proprio oggi, il consiglio Direttivo ha deliberato l’iscrizione di altri quatto Soci che sono:

STEMARNAUTICA DI MARCELLI di Narni (TR); IL SATELLITE di Terni; OFFICINA MECCANICA CICIONI GIAMPAOLO S.A.S. di Marsciano (PG); STILE PAVIMENTI LEGNO S.P.A. di Città di Castello (PG).

Le aziende del Cluster operano nella maggior parte delle fasi tipiche della filiera del business in oggetto, almeno per quanto attiene alle attività primarie finalizzate alla produzione. Vale a dire, a titolo esemplificativo, le attività di progettazione, le attività cantieristiche – in particolare la lavorazione e il trattamento del legno e dei metalli -, l’impiantistica elettrica, idraulica, ecc., gli arredamenti, i complementi e accessori.

Il raggruppamento d’imprese è sorto allo scopo di affrontare insieme la crisi globale che ha colpito anche la nautica, unendo competenze, tecnologie, know how, per potersi presentare con maggiore forza sul mercato, puntando su fattori critici quali l’internazionalizzazione, l’innovazione, la formazione, il design e la tecnologia, il controllo dei costi, l’accesso a strumenti finanziari e creditizi.

Gli obiettivi del progetto sono molteplici e vanno dall’aggiornamento costante su soluzioni innovative – che siano inoltre frutto di progetti di ricerca realizzati insieme all’università e altri centri di R&S e di trasferimento tecnologico -, in termini di materiali, tecnologie ed applicazioni e di poter avere l’assistenza tecnica progettuale dei migliori centri di ricerca e design.

Dal punto di vista operativo, dopo aver inizialmente condotto, sotto la guida di Confindustria Terni, un’accurata analisi di scenario e approfondito le reciproche esperienze, si è avviato un percorso, sancito dalla costituzione di un’apposita associazione in seno a Confindustria Terni, che sta operando per mettere a sistema le esperienze già sviluppate e per incrementare le opportunità di crescita facendo leva su azioni congiunte per rafforzare il Cluster. Ciò si è tradotto, nel biennio 2011-12, attraverso la conoscenza di nuove opportunità sui mercati nazionali e internazionali, soprattutto mediante la partecipazione a fiere e convegni e altri momenti di confronto.

In questo modo le imprese del Cluster stanno facendo meglio conoscere le proprie specifiche competenze anche attraverso il nascente collegamento con altri poli e distretti, quali quelli della Toscana e delle Marche.

Il momento saliente dell’attività nell’anno 2011 è stata la partecipazione, fortemente sostenuta dalla Regione Umbria attraverso il Centro Estero Umbria, all’evento fieristico MYS – MONACO YACHT SHOW 2011, il più importante per il settore che si è svolto dal 21 al 24 settembre p.v. a Montecarlo. Il successo della missione è stato notevole anche in virtù dell’evento celebrato nella giornata del 22 settembre u.s. in occasione della visita della Presidente Regionale Catiuscia Marini e dell’Ambasciatore Italiano nel Principato di Monaco, Antonio Morabito. La missione ha costituito una novità in senso assoluto in quanto si è trattato della prima presenza “istituzionale” di una realtà territoriale italiana realizzata nell’ambito della fiera monegasca.

Le imprese del Cluster Nautico dell’Umbria hanno inteso continuare su questa strada anche nell’anno 2012, partecipando in forma congiunta anche alla 22ma edizione del MYS – MONACO YACHT SHOW 2012 che si è svolta dal 19 al 22 settembre u.s., riuscendo così nella non facile impresa di dare continuità all’organizzazione di uno stand umbro al MYS. Il Cluster Nautico dell’Umbria ha inoltre partecipato alla Fiera olandese METS – MARINE EQUIPMENT TRADE SHOW 2012, la più importante fiera europea di attrezzature, materiali, sistemi e servizi per il settore marittimo – e tra le maggiori al mondo – che si svolta ad Amsterdam dal 13 al 15 novembre scorso.

Le missioni realizzate dal Cluster Nautico dell’Umbria al MYS e al METS sono state molto positive e i risultati raggiunti sono andati oltre le più rosee previsioni. A Monaco c’è stata l’occasione di effettuare un’ampia ripresa dei contati già intessuti nel corso della precedente edizione ma anche di allargarne notevolmente il novero. L’attività di manutenzione dei rapporti già avviati ha dato esiti sorprendenti, poiché si è riscontrato un forte accreditamento del Cluster e una vasta riconoscibilità dello stesso. Oltre a ciò si è constatato come il lavoro fatto lo scorso anno stia adesso cominciando a produrre effetti tangibili ed i referenti dei principali cantieri hanno ormai inserito il Cluster nella lista dei propri partner o potenziali tali.

Anche ad Amsterdam i contatti avuti, a vari livelli, sono stati moltissimi e proficui. Innanzi tutto ci sono stati quelli di livello istituzionale con i rappresentanti della Regione Toscana, delle sue reti d’impresa e degli organizzatori delle fiere nautiche toscane, SEA-TEC e YARE. I contatti con i clienti sono stati molto numerosi e hanno ricompreso i principali protagonisti del mercato europee ma anche alcuni importanti player di altri continenti. Potenzialmente interessanti, anche i rapporti intessuti con altre imprese della filiera, i quali hanno permesso la reciproca conoscenza e potrebbero preludere a successivi approfondimenti e future collaborazioni.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!