Chirurgia, Spoleto ha vinto: nasce dipartimento robotica - Tuttoggi

Chirurgia, Spoleto ha vinto: nasce dipartimento robotica

Jacopo Brugalossi

Chirurgia, Spoleto ha vinto: nasce dipartimento robotica

A coordinarlo sarà il dott. Patriti / L’opera di mediazione del sindaco con la presidente Marini
Mar, 24/03/2015 - 15:47

Condividi su:


“Cordiale e costruttivo”. Così il sindaco Fabrizio Cardarelli ha definito l’incontro avuto ieri con la presidente, nonché assessore alla sanità della Regione Umbria, Catiuscia Marini. Soprattutto costruttivo, visto che, come sembra, nell’ospedale di Spoleto nascerà presto un servizio dipartimentale di chirurgia robotica che sarà punto di riferimento anche per i pazienti di Foligno, Orvieto e Narni. Non per Terni, che a sua volta possiede un robot per le operazioni chirurgiche ma rappresenta un’azienda ospedaliera a sé stante.

Il ruolo del dott. Patriti – A coordinare il servizio sarà il dottor Alberto Patriti, l’erede del fondatore della chirurgia robotica a Spoleto Luciano Casciola, giunto quinto al concorso per il primariato di chirurgia generale nonostante un eccellente punteggio relativo ai titoli (i requisiti di ammissione prevedevano infatti una certa esperienza nel campo delle tecniche robotiche). Patriti sarà il medico a cui dovranno rivolgersi gli altri specialisti che avranno dei pazienti da operare con tecniche robotiche, nell’ottica di quella integrazione territoriale più volte auspicata dai vertici della Regione e dell’Azienda USL 2.

Il robot di tutta l’USL 2 – Il cui direttore generale Sandro Fratini – presente alla conferenza stampa di oggi insieme a Cardarelli, alla sua vice Maria Elena Bececco e a tutti i capigruppo che hanno condiviso il documento giunto all’attenzione della Marini – ha rimarcato il ruolo fondamentale del dottor Patriti come maggior esperto nelle tecniche operatorie eseguite con l’ausilio del robot. “Non il robot di Spoleto – ha sottolineato Fratini – ma quello di tutti i 420mila utenti della nostra USL”. Sarebbe un errore, secondo il dg, identificare la chirurgia robotica con quella generale. “Queste tecniche dovranno essere accessibili a tutti i settori della chirurgia a cui sono applicabili e a tutti i medici specialisti che ne facciano richiesta”.

I tempi – Molto prossimi, stando alle parole di Fratini e del direttore sanitario del San Matteo degli Infermi Luca Sapori, i tempi di attuazione del dipartimento di robotica. Quest’ultimo sta già mettendo nero su bianco il progetto insieme proprio al dottor Patriti e alla dottoressa Ricci. Entro questa settimana la bozza dovrebbe arrivare sul tavolo della direzione generale ed entro una quindicina di giorni la struttura potrebbe essere operativa. “Spoleto diventerà punto di riferimento dell’innovazione tecnologica per tutto l’ambito territoriale di competenza dell’Usl 2” ha assicurato Fratini.

Concorso ok – Sembrano quindi archiviate, almeno per il momento, le infuocate polemiche seguite alla pubblicazione della graduatoria del concorso per il primariato di chirurgia generale (che ha visto arrivare primo il dottor Giampaolo Castagnoli, medico di comprovata esperienza), quando da più parti – associazioni e partiti di minoranza, un po’ in ordine sparso per la verità – era stato paventato il definitivo affossamento della chirurgia robotica a Spoleto. Merito senz’altro dell’opera di mediazione del sindaco che nella partita a due con la Marini era forte di rappresentare gli interessi di un’intera città. “La presidente mi ha assicurato la piena regolarità del concorso – ha aggiunto Cardarelli – per cui non posso far altro che prenderne atto”.

Riproduzione riservata ©

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!