A Cerreto di Spoleto "Il seme della terra", ricostruire dopo il terremoto - Tuttoggi

A Cerreto di Spoleto “Il seme della terra”, ricostruire dopo il terremoto

Redazione

A Cerreto di Spoleto “Il seme della terra”, ricostruire dopo il terremoto

Assemblea pubblica, e 14 i comuni invitati | Al centro della discussione un progetto per riportare alla vita l’ Italia centrale
Ven, 21/07/2017 - 20:02

Condividi su:


Al centro della penisola si profila una sfida da centrare. Quale? Creare un ‘distretto produttivo’ che coinvolga tre dei maggiori comuni colpiti dal terremoto del 24 agosto, Arquata del Tronto, Amatrice, Accumuli, più Norcia, in Umbria, e Valle Castellana, in Abruzzo, per rilanciare  le zone ferite dal sisma, evitarne la desertificazione, ricomporne il tessuto sociale e riattivarne le condizioni di sviluppo.

Ecco la mission del progetto M.U.L.A (Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo) da Umberto Trenta. Se ne discuterà  al convegno “Il Seme della terra”, martedì 25 luglio alle ore 17 al Teatro Comunale di Cerreto di Spoleto, uno dei 14 comuni del “cratere” della Val Nerina. Quest’ultimo, ha provveduto ad invitare gli altri (Polino, Arrone, Ferentillo, Montefranco, Scheggino, S. Anatolia, Vallo di Nera, Cerreto di Spoleto, Sellano, Monteleone, Poggiodomo, Preci, Norcia, Cascia), per un ordine del giorno che prevede l’analisi delle questioni territoriali interregionali connesse all’iniziativa ideata da Umberto Trenta,  la discussione sulla necessità di proporre al governo la redazione di un quadro normativo generale semplificato applicabile alle regioni coinvolte dal sisma,  le possibilità di convenzioni tra i comuni interessati all’iniziativa ed individuazione del “modus operandi” per la finalizzazione di un’idea a sostegno di chi vuole riprendersi il diritto alla propria vita.

Tra i relatori, oltre al già citato Trenta, anche il prof. Franco Valentini  autore della piattaforma delle UNICITA’, che si candida ad essere un formidabile motore di valorizzazione dei saperi dell’area interno al MULA.

“L’idea-spiega il padre dell’iniziativa, Umberto Trenta,- è di far risorgere le attività produttive di queste terre, puntando anche su risorse agro-silvo-pastorali e potenzialità  idriche da sorgente. Nell’iniziativa risulta strategico l’assetto infrastrutturale  che si sviluppa intorno all’asse della S.S. Salaria, coinvolgendo anche due arterie viarie centrali nell’economia del Paese: l’A14 e l’Autostrada del Sole.

Solo così si potrà dare  respiro e forza ad una progettualità integrata fra le aree terremotate, che nasca dal basso e sia concretamente e non solo idealmente diretta ai territori interessati”.

Foto repertorio TO

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!