Cercasi aree di sgambatura per cani, la questione ora finisce in Consiglio - Tuttoggi

Cercasi aree di sgambatura per cani, la questione ora finisce in Consiglio

Davide Baccarini

Cercasi aree di sgambatura per cani, la questione ora finisce in Consiglio

I 3 consiglieri di Scelgo Gubbio propongono un ordine del giorno, "Mancano arredi urbani per raccolta deiezioni e abbeveramento. Inasprire controlli per padroni poco rispettosi delle norme"
giovedì, 03/10/2019 - 11:50

Condividi su:


Cercasi aree di sgambatura per cani, la questione ora finisce in Consiglio

A Gubbio si torna a parlare di aree di sgambatura per cani attrezzate, ancora assenti nell’intero territorio comunale. Dopo una petizione di oltre 300 firme, già raccolte dai cittadini, a farne richiesta tramite la proposta di un ordine del giorno in Consiglio comunale, stavolta sono Mattia Martinelli, Alessio Bazzurri e Marco Morelli di ‘Scelgo Gubbio’.

I tre consiglieri di maggioranza lamentano infatti che la convivenza con gli animali domestici negli spazi pubblici “può risultare spesso difficoltosa, in assenza di regole e controlli, oltre che di servizi adeguati. La nostra città è anche meta di molti turisti, che denunciano a volte la mancanza di un arredo urbano per la raccolta deiezioni dei loro animali e di apparati per l’abbeveramento degli stessi“.

Martinelli, Bazzurri e Morelli deliberano dunque di impegnare sindaco e Giunta per individuare, in primis, risorse per poter realizzare nelle principali aree verdi della città, aree attrezzate per possessori di cani, “dove sia possibile portare gli animali per i bisogni e il passeggio senza guinzaglio”, come già richiesto anche dalla petizione dei cittadini.

Oltre alla necessità di appositi contenitori per le deiezioni solide raccolte dai proprietari e fontane per l’abbeveraggio, i tre rappresentanti di Scelgo Gubbio chiedono inoltre di “inasprire i controlli per chi fuori da tali aree non tiene gli animali al guinzaglio e/o non raccoglie le deiezioni dei propri animali, destinando i proventi delle multe ad un apposito capitolo di spesa per iniziative su benessere e tutela degli animali”.


Condividi su:


Aggiungi un commento