C'è un secondo medico di base morto per Covid, oltre 100 infettati | Ospedali, in 749 hanno contratto il virus

C’è un secondo medico di base morto per Covid, oltre 100 infettati | Ospedali, in 749 hanno contratto il virus

Massimo Sbardella

C’è un secondo medico di base morto per Covid, oltre 100 infettati | Ospedali, in 749 hanno contratto il virus

Gio, 03/12/2020 - 15:09

Condividi su:


C’è un secondo medico di base morto per Covid, oltre 100 infettati | Ospedali, in 749 hanno contratto il virus

Medici e infermieri contagiati dal Coronavirus. Negli ospedali e nelle case, quando ci si reca ad assistere pazienti. Sono 749 i medici e gli infermieri degli ospedali umbri che si sono infettati con il Covid. Infezioni che non sempre sono avvenute nelle strutture ospedaliere o che comunque ospitano pazienti Covid. Ma il numero dimostra quanto l’attività sanitaria, nonostante le precauzioni, risulti rischiosa.

In 515 sono guariti. Altri 234 sono ancora positivi al Covid, alcuni anche con sintomi piuttosto importanti.

Una situazione che, oltre a rappresentare un pericolo per il personale infettato, ha creato ulteriore pressione sulle strutture sanitarie umbre, già a corto di organico, soprattutto in questa seconda ondata. Anche perché ci sono stati momenti in cui 400 operatori sanitari risultavano contemporaneamente contagiati e quindi assenti dal lavoro.

Medici di medicina generale, c’è una seconda vittima

Oltre cento i positivi tra i medici di medicina generale. Con il decesso del perugino Stefano Brando, che aveva contratto il Coronavirus nella cura dei suoi pazienti. E sulla cui morte, dopo l’esposto della famiglia, la Procura di Perugia ha aperto un fascicolo contro ignoti per l’ipotesi di omicidio colposo.

Purtroppo, nell’ultimo giorno si registra il decesso di un secondo medico di famiglia. Si tratta dello spoletino Natale Mariani, morto all’età di 66 anni all’ospedale di Spoleto.

Ad oggi ci sono ancora 25 medici di base umbri che risultano positivi al Coronavirus. Infezione contratta spesso nelle case dove ci si reca per assistere i propri pazienti. Nonostante gli accorgimenti e il triage telefonico per limitare i contatti personali.

Vaccino Covid, l’Umbria ha scelto
i 4 ospedali e prepara 10 postazioni

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!