CASO MEREDITH: IL DNA NON E' DI AMANDA? NUOVE PROSPETTIVE NELLE INDAGINI - Tuttoggi

CASO MEREDITH: IL DNA NON E' DI AMANDA? NUOVE PROSPETTIVE NELLE INDAGINI

Redazione

CASO MEREDITH: IL DNA NON E' DI AMANDA? NUOVE PROSPETTIVE NELLE INDAGINI

Mer, 29/06/2011 - 14:25

Condividi su:


La Corte d’Assise d’Appello di Perugia ha dichiarato inattendibile il lavoro svolto dalla Polizia Scientifica sul gancetto del reggiseno e sul coltello, ritenuto l’arma del delitto nell’omicidio di Meredith Kercher. Si aprono così nuovi spiragli nelle indagini, poiché non è più certo che le tracce di DNA ritrovate sul coltello siano da riferirsi alla vittima. Si ipotizzerebbe perciò la possibilità di una contaminazione ambientale e di una manipolazione dei reperti. “Non sono state seguite le procedure internazionali di sopralluogo e di protocollo internazionali di raccolta e campionamento del reperto”, hanno affermato oggi i periti incaricati di effettuare le analisi del DNA ritrovato sul coltello nel corso del processo d'appello a Raffaele Sollecito e ad Amanda Knox, che nel frattempo rimangono in carcere per scontare rispettivamente 25 e 26 anni di reclusione per il delitto nel quale si dichiarano comunque innocenti.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!