BRUSHWOOD: LE NOTE DIFENSIVE SULLE INTERCETTAZIONI AMBIENTALI - Tuttoggi

BRUSHWOOD: LE NOTE DIFENSIVE SULLE INTERCETTAZIONI AMBIENTALI

Redazione

BRUSHWOOD: LE NOTE DIFENSIVE SULLE INTERCETTAZIONI AMBIENTALI

Dom, 02/03/2008 - 09:28

Condividi su:


“I risultati delle intercettazioni ambientali da ultimo effettuate nel procedimento sono viziate da inutilizzabilità, in quanto il Pubblico Ministero ha disposto che le operazioni avvenissero anche mediante impianti e apparecchiature appartenenti a privati, mentre, ai sensi di legge, ciò è previsto solo quando si procede a intercettazione di comunicazioni informatiche o telematiche, e non anche di intercettazioni ambientali (art. 268 c.p.p. comma 3bis).- Non si tratta di un cavillo formale in quanto le garanzie stabilite dalla legge per le modalità di effettuazione delle intercettazioni sono dirette a salvaguardarne la genuinità e la chiarezza dell'eventuale contenuto.- La legge prevede poi che le trascrizioni siano depositate in forma integrale, mentre in questo caso si tratta solo di frasi estrapolate e parziali, con numerosi /omissis/, tali da rendere in realtà incomprensibili e dal significato tutt'altro che univoco le conversazioni intercettate, tanto più in quanto totalmente estrapolate dal contesto. Le stesse trascrizioni poi sono costellate di note che segnalano come alcune frasi siano _incomprensibili a causa dell'audio scadente_.- In questo stesso procedimento molte delle frasi inizialmente estrapolate dall'accusa si sono rivelate successivamente di _tutt'altro significato_ che quello inizialmemte indicato (vedi la questione dello scambio degli assegni, che invece gli inquirenti continuano ad identificare con l'asserito scambio dei proiettili).- Lo stesso coindagato Di Nucci Andrea in sede di interrogatorio, non ha confermato, anzi ha contestato il contenuto delle intercettazioni medesime. – Andrea Di Nucci non ha confidato dunque alcun “segreto dei proiettili” come scritto dalla Nazione. Lo stesso invece, nel corso dei lunghi interrogatori, ha definitivamente chiarito, con riferimenti e riscontri precisi e concordanti, il “segreto degli assegni”, scambiati con Michele, e quindi, in realtà, la confutazione definitiva della “tesi dei proiettili”.- Le motivazioni del Tribunale della Libertà (Tribunale in sede di appello ex art. 310 c.p.p.) del 15 febbraio 2008 appaiono essere in parte frutto di meri errori di valutazione e si confida che il G.I.P. possa modificare e rettificare tali errori.- Infatti con riguardo alla visita medica — definita come “strategica” – il G.I.P. sa perfettamente che l'iniziativa di sottoporre il Fabiani a visita medica è partita dalla Direzione della Casa Circondariale di Capanne, con richiesta diretta al GIP, che evidentemente aveva riscontrato una grave e difficile situazione disagio, con riferimento ad un ragazzo ventenne in stato di custodia preventiva in isolamento. Tutto ciò (cioè la richiesta rivolta dalla Direzione del Carcere al GIP), all'insaputa della difesa, che solo successivamente procedeva ad analoga istanza di parte.- Il Fabiani era addirittura contrario a sottoporsi a visita medica e né lui, né tanto meno questa difesa, hanno ideato e concertato alcuna “strategia difensiva” sul punto, ancorché finalizzata unicamente a revocare il trattamento di isolamento carcerario. Né, del resto, i familiari erano al corrente di questi aspetti.- La simulazione dedotta erroneamente dall'accusa e, quindi, dal Tribunale della Libertà, è frutto di un errore di interpretazione degli stessi colloqui intercettati in carcere con i familiari. Michele Fabiani parla in realtà, in quei colloqui, di una _mozzarella_.- Gli inquirenti spesso dimostrano di dimenticare che Fabiani è un ventenne, e non è il pericoloso stratega eversore che si dipinge. – Anche alla luce di quanto sopra, allo stesso modo frutto di errore sono i commenti circa il coinvolgimento e la connivenza dei nonni e dei familiari in merito alle azioni ed alle “strategie” o simulazioni del giovane.- Si sottolinea in proposito come nelle altre conversazioni il Fabiani stia in realtà dicendo ai nonni che è innocente e che gli piacerebbe sapere chi è il vero colpevole (come farebbe chiunque nella sua situazione). I familiari stanno ascoltando il giovane ed è evidente come non siano né partecipi né consapevoli di alcunché. Si chiederà di riascoltare le registrazioni originali — e non le trascrizioni — in quanto in uno dei colloqui la nonna stava addirittura piangendo. I familiari del Fabiani sono in realtà persone di saldi valori e principi democratici ed ancor prima umani, distrutti dal dolore e dall'assenza del giovane Michele.”


Condividi su:


Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!