Bimba morta in piscina: indagini a tutto campo sulle responsabilità

Bimba morta in piscina, indagini a tutto campo

Redazione

Bimba morta in piscina, indagini a tutto campo

Carabinieri cercano sul fronte delle responsabilità di quanto accaduto ieri
Mer, 13/05/2020 - 13:25

Condividi su:


E’ ancora sotto gli occhi di tutti la tragedia che si è consumata ieri pomeriggio sulle colline del folignate, quando un tranquillo e soleggiato pomeriggio di primavera si è trasformato in un dramma.

Greta, una bambina di tre anni, è stata ritrovata morta nella piscina di una villa disabitata, a qualche chilometro da casa. Quattro chilometri percorrendo la strada, per la precisione, o poco meno di due, scegliendo invece qualche sentiero.

L’amore per i cani

La bambina amava i cani, in famiglia ne avevano tre: due labrador e un meticcio. Proprio la passione per i suoi amici a quattro zampe, le sarebbe stata fatale. Dopo pranzo l’uscita, l’allarme e il ritrovamento.

Il meticcio è tornato a casa e la mamma di Greta, che ha visto rientrare l’animale ha subito temuto il peggio. Gli altri due sono stati trovati bagnati e immobili a vegliare il corpicino. Stando ai graffi trovati sulla bimba, avrebbero forse provato anche a salvarla, di sicuro hanno atteso che i soccorritori la trovassero.

La piscina della tragedia

Indagini sulla responsabilità

La dinamica sembra chiara ed è quella dell’incidente. Il lato su cui gli uomini del maggiore Alessandro Pericoli Ridolfini stanno indagando, va nella direzione delle responsabilità. Indagini a tutto campo in relazione a come una bambina di tre anni possa aver percorso, tutta quella strada. E ancora, su come si sia introdotta nella villa, se il cancello era stato lasciato aperto e se la piscina era custodita nella maniera corretta.

I Carabinieri di Foligno indagano sulla tragedia

Autopsia

Aspetti che dovranno essere chiariti definitivamente. Intanto c’è attesa per l’esito dell’autopsia, che sarà eseguita a stretto giro. Ieri il medico legale Sergio Scalise Pantuso, ha certificato che sul corpo non c’erano segni di violenza.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!