Bilancio comunale Spoleto, Comune smentisce irregolarità - Tuttoggi

Bilancio comunale Spoleto, Comune smentisce irregolarità

Redazione

Bilancio comunale Spoleto, Comune smentisce irregolarità

L'ente fa chiarezza sulla vicenda portata alla luce da Emili e Cretoni | Gruppo misto chiede rinvio di commissione e consiglio: "Tempi stretti per poter presentare emendamenti"
Lun, 24/07/2017 - 15:41

Condividi su:


Bilancio comunale Spoleto, Comune smentisce irregolarità

Nessun errore nel bilancio consuntivo del Comune di Spoleto, i documenti approvati in consiglio comunale e quelli pubblicati all’Albo pretorio comunale sono gli stessi. E’ questo quanto sostiene in una nota l’ente, replicando così alla conferenza stampa dei consiglieri comunali di opposizione Giampaolo Emili (lista Due Mondi) e Alessandro Cretoni (Forza Italia).

La nota del Comune di Spoleto

In relazione a quanto dichiarato nella conferenza stampa del 22 luglio dai consiglieri Emili e Cretoni, è necessario chiarire innanzitutto che il Bilancio e lo Stato Patrimoniale 2016 (allegato n° 10 al Conto Consuntivo 2016) pubblicato nell’Albo Pretorio del Comune di Spoleto sono corretti, perfettamente corrispondenti alle norme vigenti e sono identici a quelli discussi in Commissione Bilancio il 26 aprile e a quelli approvati in data 8 maggio 2017 dal Consiglio Comunale con Delibera n° 19. Le discordanze rilevate dai suddetti consiglieri sono presumibilmente riferite ad una versione iniziale dell’allegato 10, che è stata loro trasmessa via mail in data 14 aprile 2017, al fine di agevolare i successivi lavori delle commissioni consiliari.

Questa versione riportava un refuso, in quanto le voci “ratei passivi” pari ad € 320.000 e “contributi agli investimenti” pari ad € 3.126.976,03 per un mero errore di calcolo non sono state ricomprese, seppur presenti, nel totale generale del passivo. Tale versione è stata non solo prontamente corretta, ma anche immediatamente messa a disposizione dei consiglieri comunali.

Inoltre, proprio per garantire la massima trasparenza e collaborazione, la presenza di tale errore materiale nell’allegato trasmesso via mail, è stata fatta notare a tutti i consiglieri presenti ai lavori delle commissioni consiliari, tant’è che in tali sedi sono state stampate le versioni corrette dell’allegato 10 e della Nota Metodologica, ovvero quelle allegate nella proposta di delibera di Consiglio.

Giova sottolineare che ai consiglieri Emili e Cretoni non solo sono state date tutte le informazioni richieste, sia durante il Consiglio, sia in merito alla richiesta di accesso agli atti, ma è stata anche fornita una relazione che, seppur non richiesta, avrebbe dovuto agevolare la lettura dei dati inerenti lo Stato Patrimoniale. A tal fine si rende opportuno ricordare che l’esercizio 2016 ha rappresentato il primo esercizio di applicazione del principio contabile della contabilità economico-patrimoniale secondo quanto previsto dal D.lgs 118/2011 con la redazione dello stato patrimoniale e del conto economico sulla base degli schemi armonizzati espressamente previsti dalla normativa; a tal riguardo, si evidenzia che la contabilità economico-patrimoniale è redatta a soli fini conoscitivi come chiaramente indicato dal D.lgs 118/2011: la contabilità finanziaria continua ad essere la contabilità primaria ai fini autorizzatori e giuridici. Pertanto si smentisce categoricamente la presenza di irregolarità che possano inficiare la veridicità, esattezza dei dati e dunque validità della deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 dell’8 maggio 2017.

Giovedì consiglio comunale, gruppo misto chiede rinvio

Intanto, però, per giovedì prossimo (27 luglio, ore 15) è stata convocata la prossima seduta del consiglio comunale che vede all’ordine del giorno varie voci legate proprio ai conti del Comune. Al primo punto ci sono infatti  delle “Variazioni d’urgenza al B.P. 2017/2019 – ratifica da parte del Consiglio Comunale.”, mentre al secondo “Riconoscimento debito fuori bilancio per la liquidazione di parcelle professionali emesse per progettazioni tecniche relative all’asilo nido situato in Loc. San Giacomo” ed al terzo “Assestamento di bilancio e salvaguardia degli equilibri anno 2017”. Tutte e tre le pratiche saranno oggetto della seduta della Prima commissione consiliare permanente convocata per domani mattina dal vicepresidente Enrico Armadoro. Commissione che però i consiglieri del gruppo misto Aliero Dominici, Francesco Saidi e Marina Morelli chiedono venga rinviata, così come lo stesso consiglio comunale.

Il capogruppo Dominici, infatti, in una nota inviata nella mattinata odierna, prima che alle redazioni pervenissero i chiarimenti del Comune, chiedeva infatti che fosse fatta chiarezza sulla vicenda portata alla luce da Emili e Cretoni. Ma la richiesta di rinvio ha anche un’altra motivazione: ribadiscono inoltre, infatti, “che non essendo possibile presentare emendamenti nella ristrettezza dei termini, vista la difformità riscontrata  tra il  regolamento di contabilità all’articolo 59 comma 2,  recentemente approvato e la data di convocazione ritengono sia da annullare anche la convocazione del consiglio comunale stesso che peraltro contiene lo stesso ordine del giorno che a nostro avviso resta soggetto a chiarimenti visti le difformità riscontrate”.

Aggiungi un commento