Aumentano per legge compensi di sindaco e assessori, ma c'è chi percepisce un quarto - Tuttoggi

Aumentano per legge compensi di sindaco e assessori, ma c’è chi percepisce un quarto

Sara Fratepietro

Aumentano per legge compensi di sindaco e assessori, ma c’è chi percepisce un quarto

Ven, 18/03/2022 - 10:47

Condividi su:


Indennità lorde e dimezzate se si è lavoratori dipendenti: c'è chi percepirà un quarto della cifra. Gli importi

Cambiano per legge i compensi degli amministratori comunali. Ed anche a Spoleto sindaco, assessori e presidente del Consiglio comunale percepiranno un compenso più alto.

La legge di bilancio 2022, infatti, prevede che a decorrere dal 2024 il compenso degli amministratori comunali sia parametrato a quello del presidente della Regione Umbria. In particolare al primo cittadino di Spoleto spetterà, a regime, una indennità pari al 35% dell’indennità del presidente della Regione. Aumenti che sono previsti in modo graduale negli anni 2022 e 2023, con la Giunta comunale guidata da Andrea Sisti che ha deciso di “applicare solo l’importo minimo” in questi due anni.

Compensi più alti da qui al 2024 per sindaco e assessori

Si parla cioè di un aumento del 45% nel 2022 e del 68% nel 2023. Fino ad arrivare alla nuova cifra fissata dalla legge nel 2024. A stabilire gli importi è una determinazione dirigenziale del 22 febbraio pubblicata soltanto un paio di giorni fa all’albo pretorio del Comune di Spoleto.

Indennità lorde, c’è chi percepirà un quarto della cifra

I compensi, vale la pena ricordare, sono lordi (e dunque al netto delle imposte possono essere anche la metà) e devono fare i conti con le attività professionali svolte da sindaco e assessori (e presidente del Consiglio). Cambia tutto, ad esempio, se un amministratore è lavoratore dipendente oppure lavoratore autonomo, pensionato, studente o disoccupato. Nel primo caso, a meno che non decida di mettersi in aspettativa, l’indennità prevista è dimezzata. Insomma, rispetto al compenso lordo può percepire circa un quarto. Che tradotto in “soldoni” vuol dire che un assessore lavoratore dipendente o il presidente del Consiglio percepiranno una cifra che si attesta tra i 400 e i 500 euro netti mensili.

E, infatti, mentre sui social network già si infiamma il dibattito, l’assessore Luigina Renzi (che è insegnante, dunque lavoratrice dipendente) ha voluto raccontare la sua esperienza: “Nel mio caso, nella prima busta paga sono arrivati 399 euro/mese e nella seconda 439/mese. Se pensate che uno diventi assessore per i soldi, si sbaglia di grosso. Provare per credere“.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!