Art bonus, 9 imprese di Spoleto e Valnerina finanziano restauro arazzo della regina

Art bonus, 9 imprese di Spoleto e Valnerina finanziano restauro arazzo della regina

Sara Fratepietro

Art bonus, 9 imprese di Spoleto e Valnerina finanziano restauro arazzo della regina

Mer, 14/07/2021 - 09:28

Condividi su:


Art bonus, finalmente anche a Spoleto qualcosa si muove. L'impegno di 9 imprese aderenti a Confindustria Spoleto - Valnerina

Anche le aziende del territorio finalmente in campo attraverso la misura dell’Art bonus per sostenere il recupero di beni culturali cittadini. Sono 9 le imprese appartenenti alla sezione Spoleto – Valnerina di Confindustria che – tramite lo strumento finanziario purtroppo ancora troppo poco utilizzato a livello locale – hanno finanziato uno dei progetti sui quali il Comune aveva lanciato un appello dalla fine del 2015. Vale a dire il restauro di uno degli arazzi appartenuti alla regina Cristina di Svezia.

Finalmente, dunque, anche nella città ducale si inizia a credere nella misura dell’art bonus – che prevede un credito di imposta per le erogazioni liberali a favore dell’arte e della cultura -, molto utilizzato ad esempio a Perugia (ma non mancano interventi effettuati ad esempio a Norcia).

Art bonus, si restaura 1 dei 5 arazzi appartenuti alla regina Cristina di Svezia

L’arazzo è uno dei 5 di proprietà del Comune di Spoleto, appartenuti alla famiglia Collicola e prima ancora alla regina Cristina di Svezia. E’ nelle disponibilità dell’ente dal 1939, – come ha spiegato la dottoressa Antonella Proietti – che lo ha tenuto esposto nella vecchia sala del Consiglio comunale per decenni fino a finire in magazzino – insieme agli altri – dopo il terremoto del 1997 e in vista del restauro del Municipio. L’obiettivo è restaurare non solo questo arazzo – si tratta dell’arazzo a verdura con uccelli – ma anche gli altri 4 e riposizionarli a palazzo Collicola, nelle sale della loro collocazione originaria.

L’arazzo, che sarà restaurato grazie ad un contributo di 18mila euro, sarà presumibilmente riposizionato a palazzo Collicola per Natale. A spiegare l’iter in corso è stato il dirigente comunale Sandro Frontalini, durante una conferenza stampa a cui erano presenti la commissaria straordinaria del Comune Tiziana Tombesi, i rappresentanti della sezione locale di Confindustria con in testa il presidente Giacomo Filippi Coccetta, il direttore di palazzo Collicola Marco Tonelli.

Le 9 imprese che hanno finanziato l’intervento

Le aziende che hanno partecipato al progetto sono: Antica Norcineria F.lli Ansuini, COO.BE.C. Cooperativa Beni Culturali, Fabiana Filippi, Italmatch Chemicals, Meccanotecnica Umbra, Monini, QFP, Tulli Acque minerali, Urbani Tartufi.

“Questa iniziativa di mecenatismo – ha Filippi Coccettadimostra un forte attaccamento al patrimonio artistico e culturale del nostro territorio. La condivisione tra più aziende, inoltre, ci ha permesso di operare in modo congiunto e sinergico, sotto la spinta di un obiettivo comune: quello di prenderci cura dell’inestimabile patrimonio di cui siamo eredi. Siamo responsabili della bellezza del nostro territorio e deve essere nostra priorità avere un progetto per la bellezza che ci circonda. Dobbiamo continuare ad essere mossi dalla volontà di intervenire per tutelare, diffondere e valorizzare le bellezze del patrimonio artistico e culturale, di ogni genere e in ogni luogo, per essere parte attiva di un progetto virtuoso di rinascita delle eccellenze storico-culturali presenti nel nostro Paese”.

Dall’amministrazione comunale è arrivato a questo proposito un appello affinché le imprese intervengano a sostenere “questi beni che sono beni di tutti”.Le amministrazioni in questo momento – ha sottolineato la commissaria Tombesivivono momenti di difficoltà. Molte delle misure adottate dal Governo hanno avuto ripercussioni sulle casse comunali, mentre i dipendenti dell’ente continuano a lavorare con passione ad iniziative come queste. E’ doveroso che la comunità sia vicino al patrimonio culturale, che è di tutti. Queste – ha osservato – sono cose che restano, il Comune ha bisogno di vicinanza, in quanto proprietario di questi beni che in realtà sono appunto della comunità. Ci auguriamo quindi che questo percorso continui”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!