Al Curi ormai solo i veri tifosi, il Perugia uniforma i prezzi di Gradinata e Curva Nord

Al Curi ormai solo i veri tifosi, il Perugia uniforma i prezzi di Gradinata e Curva Nord

Massimo Sbardella

Al Curi ormai solo i veri tifosi, il Perugia uniforma i prezzi di Gradinata e Curva Nord

Lun, 27/09/2021 - 12:39

Condividi su:


La scelta della società vista la capienza ridotta a 1300 posti per il cuore del tifo biancorosso e per frenare la carenza di paganti

Nonostante l’entusiasmo per la vittoria esterna contro la Cremonese, domenica contro l’Alessandria al Curi c’erano solo 3.179 spettatori paganti. Più di Vicenza, Cittadella, Como e Monza, ma meno di Terni (4.369), Ascoli (3.901), Parma (7.245), Reggina (5.034) e Cosenza dove si è giocato il derby col Crotone davanti a 7.554 spettatori. Certo, numeri per i quali si deve tener conto anche dell’apporto delle tifoserie avversaria (da Alessandria è giunto a Perugia sono uno sparuto gruppo a sostenere i Grigi). Ma è pur vero che la piazza di Perugia meriterebbe molto di più.

La tv e cellulari tengono lontani dagli stadi

La televisione, e ormai anche pc e cellulari dove si possono vedere le partite in streaming, pur con qualche difficoltà di connessione, stanno tenendo tante persone lontano dagli stadi. Dove ormai vanno solo i veri tifosi. Tanto più da quegli stadi che non offrono servizi adeguati.

Nella prima nota dell’amministrazione comunale, quella precedente allo striscione contro l’assessore Pastorelli, c’era un passaggio sulla capienza ridotta del Curi in cui si faceva riferimento al fatto che il limite dei circa 5 mila spettatori ammessi non era stato mai sfiorato.

Il problema, a Perugia, si presenta proprio per i tifosi, quelli veri. Perché la Curva Nord ha ora una capacità ridotta a 1.300 spettatori. Sempre raggiunto. Per la partita con l’Alessandria sono terminati già nella giornata di sabato. Perché la capienza ridotta a causa dell’agibilità condizionata ai carichi, poi dimezzata per le norme anti Covid, finisce per penalizzare gli ultras e il cuore del tifo biancorosso, la Curva Nord.

La società AC Perugia cerca di correre ai ripari uniformando il prezzo della Gradinata a quello della Curva Nord. Un atto di giustizia verso i veri tifosi, ma anche un modo per correre ai ripari di fronte alla carenza di spettatori. Una scelta che, come si legge nella nota ufficiale, la società dice di aver assunto “in un contesto di sana collaborazione con le autorità comunali”.

“Fiduciosi – prosegue ancora la nota dell’AC Perugia – che tutto questo possa aiutare in un momento complicato ma altresì consapevoli che il programma dei lavori possa essere attuato nei tempi previsti durante la stagione, ci auguriamo di fare cosa gradita ai nostri tifosi, pur in un contesto di limitata disponibilità dei posti vendibili”.

I nuovi prezzi al Curi

Questi i nuovi prezzi al Curi, a cui va aggiunto 1 euro di diritto di prevendita richiesto da TicketOne:

TRIBUNA EST (GRADINATA) INTERO € 14 – RIDOTTO DONNA/OVER 65 10 euro – RIDOTTO UNDER 14 10 euro

CURVA NORD INTERO € 14 – RIDOTTO DONNA/OVER 65 10 euro – RIDOTTO UNDER 14 10 euro

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!