Aborto, anche a Perugia i manifesti sui medici obiettori - Tuttoggi

Aborto, anche a Perugia i manifesti sui medici obiettori

Redazione

Aborto, anche a Perugia i manifesti sui medici obiettori

Campagna dell'Uaar: ospedali pieni di ginecologi obiettori, anche la scelta della donna deve essere libera
Gio, 27/12/2018 - 08:43

Condividi su:


Il circolo di Perugia dell’Uaar (Unione atei e agnostici razionalisti) aderisce alla campagna per la trasparenza dei medici sulle cosiddette obiezioni di coscienza in ambito sanitario. Fino a domenica 6 Gennaio sarà visibile anche a Perugia la campagna nazionale “Testa o croce? Non affidarti al caso“, relativa alla presenza negli ospedali dei medici obiettori di coscienza.

L’Uaar – spiegano i responsabili dell’associazione – si batte da sempre per l’autodeterminazione, per la libertà di scelta di ogni singolo cittadino. Ma ogni scelta, per essere veramente libera, deve essere effettuata a ragion veduta, consapevolmente. Non sempre accade: siamo umani, ed è umano dimenticare di soffermarci su questi aspetti. Altrettanto spesso, su materie che conosciamo poco, ci affidiamo a chi è indubbiamente più competente di noi. Nella stragrande maggioranza dei casi è un atteggiamento positivo. In alcuni casi altri fattori dovrebbero essere presi in considerazione. Particolarmente quando le scelte riguardano la nostra salute. I medici – proseguono – sono anch’essi umani: hanno opinioni, come tutti noi. Non è un problema. Ma può diventarlo, se le loro opinioni condizionano le nostre scelte. E quelle delle donne in particolare: la ragazza che si affida alle cure di un ginecologo conosce le sue convinzioni morali e religiose? La donna che incappa in una gravidanza indesiderata  o in una gravidanza a rischio, o ha bisogno di un contraccettivo d’emergenza, si porrà questa domanda?”.

Gli ospedali sono purtroppo pieni di ginecologi obiettori – proseguono – spesso assunti e promossi proprio per la loro adesione alla dottrina cattolica. Non sono infrequenti i casi in cui ostacolano l’intenzione di interrompere una gravidanza, o decidono di non sottoporre la gestante alle diagnosi che evitino la nascita di un bimbo già condannato per tutta la vita a una malattia invalidante. Avere un ginecologo di fiducia del quale sono note le opinioni su questi aspetti diventa fondamentale, e l’Uaar invita a far luce su questi aspetti il prima possibile. Prima che sia tardi“.

Una campagna che non mancherà di far discutere, su un tema così “caldo”, qual è quello dell’aborto, anche a Perugia e in Umbria.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!