A San Marco gli oggetti vecchi da riusare - Tuttoggi

A San Marco gli oggetti vecchi da riusare

Redazione

A San Marco gli oggetti vecchi da riusare

Approvata la procedura pubblica per la scelta del gestore del Centro che sarà pronto a fine settembre
Mer, 19/09/2018 - 18:27

Condividi su:


A San Marco gli oggetti vecchi da riusare

Approvata dalla Giunta comunale, su proposta del vice sindaco Barelli, la procedura per l’individuazione di un soggetto gestore del Centro del riuso di San Marco, mediante pubblicazione di un avviso esplorativo finalizzato alla raccolta di manifestazioni di interesse da parte dei soggetti che abbiano i requisiti. Il Centro, infatti, dovrebbe essere terminato entro la fine del mese di settembre da parte della società Gest Srl che lo sta realizzando nell’ambito del Centro di raccolta comunale di San Marco, per essere operativo a stretto giro.

L’affidamento, una volta individuato il soggetto, sarà poi definito con un’apposita convenzione di tre anni a partire dalla data di inizio dell’attività, con possibilità di ulteriore proroga per altri tre anni.

 “Come amministrazione – spiega il vice sindaco Barelli – abbiamo l’obbligo di promuovere iniziative che favoriscano il riuso di prodotti, che ha un ruolo fondamentale nella prevenzione della produzione dei rifiuti. La gestione del centro del riuso dovrà essere affidata – dice ancora Barelli – ad un soggetto che il Comune provvederà ad individuare, potendo avvalersi sia di Gesenu che di altri soggetti, tra quelli che operano nel terzo settore, nell’associazionismo o nelle cooperative locali”.

Tra i vari beni che sarà possibile conferire al Centro del riuso vi saranno anche i libri, che si sta pensando di riutilizzare rendendoli disponibili in appositi spazi approntati nei parchi cittadini, dove chiunque voglia trascorrere del tempo immerso nella lettura e nel verde potrà usufruirne. I libri usati potranno essere lasciati anche all’interno delle cinque isole ecologiche installate in città, in un apposito contenitore, e andranno anch’essi ad arricchire la fruibilità delle aree verdi cittadine.


Condividi su:


Aggiungi un commento