A Marsciano inaugurato il nuovo allestimento della Biblioteca comunale “Luigi Salvatorelli” - Tuttoggi

A Marsciano inaugurato il nuovo allestimento della Biblioteca comunale “Luigi Salvatorelli”

Redazione

A Marsciano inaugurato il nuovo allestimento della Biblioteca comunale “Luigi Salvatorelli”

Dom, 22/04/2012 - 07:47

Condividi su:


In tanti, tra cittadini, autorità e rappresentanti delle associazioni, hanno dato nella mattina di sabato 21 aprile 2012 il benvenuto alla rinnovata Biblioteca comunale “Luigi Salvatorelli”.

La giornata è iniziata con il saluto dell’Assessore comunale alla Cultura Valentina Bonomi, che ha presentato il quadro dei lavori effettuati e fatto i ringraziamenti a tutti i soggetti che hanno lavorato al progetto, del Sindaco Alfio Todini e dell’Assessore regionale alla Cultura Fabrizio Bracco. “Il percorso di valorizzazione della biblioteca di cui questo nuovo allestimento rappresenta un momento fondamentale – ha spiegato l’Assessore Bonomi – è stato concepito, innanzitutto, per ottimizzare il servizio offerto agli oltre 2000 utenti che annualmente frequentano la biblioteca puntando, naturalmente ad ampliare questo numero”.
L’ammontare complessivo dei lavori è stato di 222mila euro di cui 115mila rappresentati da un contributo del Gal (Gruppo di azione locale), a valere su fondi europei ed erogato a seguito della partecipazione del Comune di Marsciano ad un bando rivolto a progetti riguardanti biblioteche, spazi multimediali e museali. La restante parte, pari a 107mila euro, è stata coperta con fondi propri del Comune.
Gli interventi hanno riguardato tutta la sede bibliotecaria con, in particolare, la sistemazione della sala Gramsci, arricchita con nuove dotazioni multimediali ottimizzandone la funzione di sala conferenze, la realizzazione di un nuovo allestimento nello spazio dedicato alle attività didattiche per i bambini, e la creazione di una apposita sezione dedicata alla storia locale e all’ambiente, promuovendo un centro di documentazione sulle tradizioni del territorio e sulle sue risorse culturali, artistiche e paesaggistiche.
A questi interventi di carattere strutturale si sono poi aggiunti gli interventi di valorizzazione e riallestimento che hanno interessato il fondo librario e l’archivio di Luigi Salvatorelli. Questi interventi, con in particolare la presentazione dei nuovi strumenti di catalogazione e ricerca on-line attraverso i quali consultare i documenti raccolti nell’archivio, sono stati illustrati da Mario Squadroni, soprintendente archivistico per l’Umbria, e Rossella Santolamazza, funzionario della Soprintendenza. “Il fondo librario e l’archivio di Luigi Salvatorelli – ha spiegato Squadroni – rappresentano un patrimonio culturale di assoluto valore gestito dalla Fondazione omonima. L’archivio, in particolare, contiene una grande quantità di documenti, lettere, manoscritti, ritagli di giornali e altro, relativi alla attività pubblica e privata del nostro autore. Materiale prezioso per ricostruirne la levatura intellettuale e valorizzarne la produzione letteraria”.
La giornata ha previsto anche un momento di approfondimento sulla figura di Luigi Salvatorelli e sull’attività della Fondazione a lui intitolata, con la consegna dei Quaderni della Fondazione al Dirigente scolastico dell’Isis “Luigi Salvatorelli”, prof. Sergio Guarente, e la lettura di alcuni brani tratti dalle opere dello storico a cura degli studenti dell’Isis. A intervenire sono stati lo stesso dirigente dell’Isis Sergio Guarente e Angelo d’Orsi, Presidente del Comitato scientifico della Fondazione Salvatorelli.
La mattinata si è chiusa con il taglio del nastro fatto dal Sindaco Alfio Todini e la visita alle sale della biblioteca.

“La Biblioteca Salvatorelli, come anche il teatro che presto sarà interessato da lavori di ristrutturazione e ammodernamento – ha sottolineato il Sindaco Todini – è uno dei luoghi elettivi della cultura marscianese, nell’ambito del quale far crescere sinergie con le attività della scuola, delle associazioni e, di fatto, di tutta la comunità. È anche attraverso il pieno godimento di un bene come la Biblioteca che una comunità traccia una propria strada per uno sviluppo consapevole sul piano sociale, culturale e anche economico, soprattutto in una fase di crisi quale quella che stiamo attraversando. Non c’è presente e non c’è futuro se non sapremo continuare a investire tempo e risorse nello studio, nello scambio di idee e nella produzione culturale. In questo senso assume pieno valore il lavoro portato avanti dalla Fondazione Salvatorelli in questi 10 anni di attività. Il suo lavoro rappresenta una vera e propria opera pubblica che dobbiamo continuare a costruire facendola entrare sempre più in contatto con i cittadini e il territorio. Il lavoro fatto per rendere più fruibile l’archivio e il fondo Salvatorelli sono un ulteriore passo in questa direzione”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!