2 milioni e mezzo per 1.300 famiglie. I dati del “Fondo solidarietà delle chiese umbre” - Tuttoggi

2 milioni e mezzo per 1.300 famiglie. I dati del “Fondo solidarietà delle chiese umbre”

Redazione

2 milioni e mezzo per 1.300 famiglie. I dati del “Fondo solidarietà delle chiese umbre”

Ven, 22/06/2012 - 09:46

Condividi su:


2 milioni e mezzo per 1.300 famiglie. I dati del “Fondo solidarietà delle chiese umbre”

Sa.Mi.

Presentato l’aggiornamento dei dati del “Fondo di solidarietà delle Chiese umbre”, l’istituto della Conferenza episcopale umbra che si occupa del sostegno ai nuclei familiari vittima della crisi economica.
I Dati – Dal 2009, anno della sua costituzione le famiglie aiutate sono state 1.292 nelle otto diocesi dell’Umbria (109 ad Assisi, 132 a Città di Castello, 114 a Foligno, 52 a Gubbio, 116 ad Orvieto, 392 a Perugia, 140 a Spoleto e 237 a Terni), per i quali sono stati impegnati complessivamente 2.138.700,00 euro, grazie alla somma raccolta per il suddetto “Fondo” che ammonta a 2.466.651,55 euro, frutto di tre distinte raccolte (marzo 2009-maggio 2010; giugno 2010-settembre 2011; ottobre 2011-giugno 2012).
Le famiglie aiutate hanno ricevuto singolarmente contributi mensili di 250-300 euro (in media) per un periodo non inferiore a tre mesi con possibilità di rinnovo del contributo e a richiedere quest’integrazione sono stati 245 nuclei familiari.
Le parole del Vescovo – “Sono molto lieto che l’iniziativa promossa dalla Conferenza episcopale umbra abbia coinvolto- ha spiegato il vescovo mons. Vincenzo Paglia- davvero e in maniera sorprendente e capillare l’intera società umbra, che manifesta un’Italia bella, solidale, dando speranza in un momento particolarmente difficile. Certamente, questa “piccola-grande” iniziativa è una straordinaria rete che aiuta a salvare per le sue modalità di erogazione, creando un rapporto diretto e non anonimo con le famiglie in difficoltà, il tessuto della società della nostra regione”
Le domande di sostegno pervenute sono state tutte analizzate dalle otto “Commissioni diocesane di solidarietà”. Dall’estate 2009 a tutt’oggi queste “Commissioni” hanno ricevuto e visionato migliaia di domande che sono state ritenute dai ricercatori dell’Aur (Agenzia umbra ricerche) e dell’Osservatorio sulle Povertà (organismo promosso dalla Ceu e dalla Giunta regionale nel 1995) interessanti fonti inedite di studio del complesso fenomeno delle povertà in Umbria, che vanno ad integrare i dati statistici ufficiali.
Il Fondo di solidarietà – Il suo obiettivo non si limita alla semplice erogazione di contributi economici, ma vuole essere un richiamo alle coscienze e, soprattutto, un segnale per invitate tutti alla necessità di cambiare gli stili di vita, oggi volti troppo spesso allo spreco, al lusso sfrenato, all’accumulo. Secondo la Ceu, occorre tornare a modalità di vita più rispettose della sobrietà, della modernizzazione, della capacità di accorgersi dei bisogni altrui; stili che possano fare spazio nei cuori alla solidarietà ed emarginare l’indifferenza. Testimonianza dell’importanza anche educativa alla solidarietà che il “Fondo” contribuisce a promuovere, giunge dal gesto di circa 40 famiglie aiutate che una volta superate le difficoltà economiche (grazie al lavoro ritrovato) hanno tempestivamente comunicato la loro nuova situazione, così da rinunciare al sostegno del “Fondo” a favore di altre famiglie. Altro aspetto positivo è la modalità di erogazione del contributo assegnato alla famiglia che lo riceve dal proprio parroco, con il quale si instaura un rapporto umano di conoscenza reciproca che va oltre il semplice gesto di solidarietà. Inoltre, il “Fondo” ha aiutato non poche giovani famiglie a ben amministrare il contributo ricevuto individuando la priorità delle spese da affrontare.
Chi sostiene il fondo- Dall’aggiornamento dei dati del “Fondo di solidarietà” (consultabile nei dettagli nella sezione “In Evidenza” del sito www.chiesainumbria.it) si evince che dei circa 2 milioni e mezzo di euro raccolti oltre la metà (1.257.379,00) sono pervenuti dalla Consulta delle Fondazioni Casse di Risparmio dell’Umbria (Città di Castello, Foligno, Orvieto, Perugia, Spoleto e Terni e Narni) e da istituti di credito (Banca Popolare di Spoleto e Casse di Risparmio di Città di Castello, Foligno, Spoleto e Terni e Narni) e più di un terzo (769.811,00) dalle tre collette delle diocesi umbre di marzo 2009, giugno 2010 e dicembre 2011, che hanno riguardato oltre 600 parrocchie coinvolgendo gli stessi parroci, i vescovi e comunità religiose. Da segnalare che gli alunni di una scuola del ternano hanno raccolto 15mila euro. Altre somme significative sono pervenute nei tre anni del “Fondo” da aziende, enti ed associazioni (100.000 euro dalla Coop Centro Italia nel 2009, 100.000 euro dalla Regione dell’Umbria nel 2012 e 22.000 euro dalla Coop Umbria Casa nel 2011). Anche privati benefattori (104.309,66 euro), parlamentari e consiglieri regionali (50.411,02 euro) non hanno fatto mancare il proprio contributo al “Fondo”, le cui spese di gestione (bancarie) sono state di appena 194,32 euro, in quanto tutti i suoi addetti hanno svolto opera di volontariato. Infine, i dati sulle singole tre raccolte: la prima ha fruttato 1.325.320,65 euro; la seconda 501.188,14 euro; la terza 640.142,76 euro.
Come sostenere il fondo – Chi fosse interessato a sostenere l’opera del “Fondo” può inviare il suo contributo economico attraverso il c/c bancario (codice iban: IT18 F 06315 03000 000000081040) intestato a Regione Ecclesiastica Umbra, specificando nella causale: “Fondo di solidarietà delle Chiese umbre”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!