Vecchi pennini, cattedre e libri per rivivere un secolo di storia dello “Scarpellini”

Vecchi pennini, cattedre e libri per rivivere un secolo di storia dello “Scarpellini”

Oggi, sabato 12 maggio l’inaugurazione della mostra dedicata ai 100 anni delle Commerciali | La mattina seminario su “L’istruzione tecnica: evoluzione storica e prospettive future”

Vedrete banchi, cattedre, libri. E poi vecchi pennini da inchiostro, macchine da scrivere, calcolatrici. Ma soprattutto ascolterete storie. Quelle delle migliaia di giovani che da un secolo a questa parte hanno varcato la soglia dell’Istituto Tecnico Economico “F. Scarpellini”, nato il 18 novembre 1917 con il nome di Istituto Commerciale Umbro.

Vestirete i loro panni, quelli degli studenti che studiavano calligrafia, quando ancora l’arte dello scrivere bene non era stata soppiantata da mouse e tastiera. Indosserete gli abiti delle studentesse di allora che si iscrivevano a scuola per diventare esperte ragioniere, dopo aver abbandonato lo studio dei ‘lavori donneschi’, così come riportato nel loro diploma di maturità elementare, nell’elenco delle materie che si studiavano dalla prima alla ottava.

Alla mostra, dal titolo  ‘100 anni – Lo Scarpellini di ieri e di oggi’, visitabile negli spazi espositivi del foyer dell’ex teatro Piermarini da sabato 12 a venerdì 18 maggio, potrete fare un tuffo nel passato e ripercorrere, attraverso arredi scolastici e materiale di cancelleria, gli anni del Ventennio, quelli dell’Italia libera e repubblicana, e poi i rampanti anni Ottanta, quelli degli yuppie e della disco dance. Ma soprattutto gli anni in cui nasce Internet e cominciano a comparire i primi computer, antenati delle moderne tecnologie digitali. L’esposizione, documentale e fotografica, che sarà inaugurata sabato 12 maggio alle ore 16.30, verrà illustrata dagli studenti dell’Istituto, in divisa scolastica, che avranno il compito di guidare in questo viaggio amarcord attraverso le emozioni.

Ma l’appuntamento con i ricordi comincerà già dalla mattina con il convegno, dal titolo “L’istruzione tecnica: evoluzione storica e prospettive future”, che si terrà nella sala rossa di Palazzo Trinci a partire dalle 9.30, e al quale sono attesi ex alunni agé in compagnia di figli e nipoti, ex insegnanti ed ex presidi, oltre all’importante parterre di relatori. Alla tavola rotonda, che si aprirà con un videomessaggio di Claudio Gentili (nella foto con la dirigente scolastica Giovanna Carnevali), vice direttore per il Capitale umano di Confindustria, si alterneranno gli interventi di Andrea Nasini, presidente dell’Ordine dei Commercialisti dell’Umbria, Ettore Acerra, dirigente tecnico del Ministero dell’Istruzione, e Fabrizio Fratini, vice segretario generale della Camera di Commercio di Perugia. Un rendez vous con la storia, quella con la minuscola, quella scritta da tutti quelli che rimangono fuori dai manuali scolastici, perché la storia la fanno i vincitori ma soprattutto i potenti. Un tributo a loro, gli uomini e le donne del passato, quelli che con la loro vita apparentemente ordinaria, in silenzio, con coraggio, hanno fatto grande il nostro Paese.

Stampa