TUTTI ALLA CENA DELLA PRO FOLIGNO (Maxiphotogallery – Guarda chi c’era)

“Allorquando il Sole, Principe de’ Pianeti, entrerà nel primo grado del segno di Ariete, che seguirà li 20 Marzo a ore 8 min. 26, avrà principio l’anno 1798…” Cominciava così il Discorso Generale del Filosofo Manferruccio per l’arrivo del 1798. Questo testo, insieme ai pensieri del pianeta della fortuna di Barbanera, è stato il regalo di Natale  dell’associazione Pro- Foligno: la presidente, la  professoressa Ambra Cenci, ha accolto tutti gli iscritti che venerdì 28 Dicembre 2007 hanno partecipato alla cena degli auguri di fine anno presso il nuovo ristorante Da Remo di Foligno. Quelle che sul finire del settecento erano le cucine dell’antico palazzo di proprietà della famiglia Lezi, oggi sono le stanze del nuovo ristorante Da Remo. Pietro Lezi e suo fratello Alessio furono banchieri e caratanti (chi ha parte o interesse in un’impresa, in una speculazione) e fecero affrescare il loro palazzo dal  pittore Marcello Leopardi, che, sulla volta del salone principale dipinse il carro di Bacco e Arianna trainato da due leopardi. Questo pittore era molto conosciuto anche a Perugia tanto che fu chiamato ad affrescare anche  il palazzo Contestabile, il palazzo Rossi Scotti e il palazzo Ranieri. Successivamente, il palazzo Lezi di Foligno passò ai nipoti di Pietro ed Alessio Lezi risultando così che nel 1819 l’edificio fu posseduto da Tommaso e Luca Marchetti, diventando quello che oggi è palazzo Lezi-Marchetti. La cena ha visto lapartecipazione di un misterioso personaggio vestito con abiti settecenteschi che ha ripercorso la storia della famiglia Lezi. Sul finire della cena due spille d’oro raffiguranti il giglio, simbolo della Pro-Foligno, sono state regalate a due iscritti dell’associazione, i quali si sono distinti per motivi lavorativi

(Maria Moroni)