Minimetrò, passa il bilancio 2016 | In attesa la nomina post Spinelli

Minimetrò, passa il bilancio 2016 | In attesa la nomina post Spinelli

L’amministratore unico, dopo il secondo mandato consecutivo, passerà il testimone

Approvazione del bilancio 2016 della Minimetrò S.p.a. e nuove nomine all’interno dell’organo di amministrazione. Questi i punti all’ordine del giorno della partecipata del Comune di Perugia. Un bilancio di esercizio che, per lo scorso anno, è stato approvato all’unanimità da parte dei soci e che ha registrato un utile pari ad € 418.339. Da parte della società, un dato positivo.

Non è stato invece possibile rinnovare l’incarico all’Amministratore Unico, Nello Spinelli, giunto ormai al suo secondo mandato consecutivo. Un terzo rinnovo dunque non sarebbe consentito da statuto. Durante l’assemblea, è stato così richiesto di rinviare la nomina dell’Amministratore Unico ad uno prossimo momento: la ragione è nel dare la possibilità di consentire l’espletamento della procedura che prevede, in questi casi, la pubblicazione di apposito avviso per poter acquisire la disponibilità per la nomina e la designazione dell’Amministratore Unico della Società Minimetrò S.p.A. per il prossimo triennio.

Spinelli rimarrà quindi in carica ai sensi di legge in regime di proroga per un massimo di 45 giorni per lo svolgimento dell’attività di ordinaria amministrazione della Società ai sensi del codice civile. “Al dottor Spinelli – ha affermato il sindaco Andrea Romizi – va l’apprezzamento per il lavoro svolto con grande e profonda dedizione, mettendo in campo qualità morali e professionali di alto profilo. Ne sono dimostrazione anche i risultati ottenuti sia nell’esercizio 2016 che negli anni precedenti. Il triennio 2014-2016 di competenza dell’attuale Amministrazione, ad esempio, ha registrato un utile netto complessivo pari ad €  818.992, nonché un incremento dell’utenza, rispetto al 2013, di circa 280.000 validazioni (+11%). A lui va un sincero ringraziamento da parte mia e di tutta l’Amministrazione comunale”.

©Riproduzione riservata