APPALTOPOLI: C'E' ANCHE CHI PRENDE IL PREMIO! PANFILI (PDL) INTERROGA PRESIDENTE GUASTICCHI

APPALTOPOLI: C'E' ANCHE CHI PRENDE IL PREMIO! PANFILI (PDL) INTERROGA PRESIDENTE GUASTICCHI


All'indomani del rinvio a giudizio di 43 persone, fra funzionari della Provincia di Perugia e imprenditori, rimasti coinvolti nell'inchiesta “Appaltopoli”, la vicenda rischia di tornare a far gridare allo scandalo. Sembra infatti che pochi giorni fa il Presidente della Provincia Vinicio Guasticchi, nel consegnare i tradizionali premi ai dipendenti più meritevoli, ne abbia consegnato uno anche ad uno di quei 43 finiti nella maxiinchiesta. Una notizia che trapela da qualche giorno fra gli uffici e che ha mandato letteralmente su tutte le furie i colleghi dell'ente di Piazza Italia. Sul fatto è intervenuto poco fa il consigliere provinciale del Pdl Giampiero Panfili, presidente della Commissione Controllo e Garanzia, che ha presentato una interrogazione al Presidente Vinicio Guasticchi. Panfili ricorda dapprima che “l’Amministrazione Provinciale di Perugia, nel corso di una pubblica iniziativa organizzata ad hoc presso la Sala del Consiglio nel gennaio scorso, ha premiato alcuni suoi dipendenti per “l’attaccamento al lavoro e la dedizione che hanno dimostrato nello svolgimento dei propri compiti””, per poi passare a chiedere al capo dell'esecutivo provinciale “se fra i premiati vi siano anche soggetti attualmente rinviati a giudizio”.

Vale ricordare che, al momento della consegna del Premio, i dipendenti finiti nel mirino della Procura erano ancora in posizione di 'indagati' e non 'rinviati a giudizio'. Ma poco cambia, perchè lo scandalo che si profila è, moralmente parlando, di portata enorme. Il premio sarebbe stato consegnato ad uno dei funzionari coinvolti in appaltopoli e il suo nome figura ancora oggi nel comunicato stampa diramato dalla Provincia in occasione della Festa per i dipendenti.

“Lo scandalo giudiziario che ha investito la stessa Provincia e che ha portato al rinvio a giudizio di numerosi dipendenti pubblici contro i quali sono state formulate pesanti accuse, ha messo in forte imbarazzo l’Amministrazione Provinciale” scrive Panfili, che ricorda come Guasticchi abbia “già espresso l’intenzione di costituire l’Ente parte civile all’interno del processo appena aperto”. Panfili, in conclusione, condivide “le dichiarazioni del Presidente  che ha voluto giustamente elogiare il lavoro del personale in forza alla Provincia di Perugia, prendendo nettamente le distanze da quello “0,4 % di dipendenti infedeli a fronte di un sano 99.6%, che ogni giorno risponde alle esigenze dei cittadini”. Ma allora, come si spiega quel Premio?