Una via per Umberto Ajò, Gubbio omaggia il "suo" poeta a 30 anni dalla scomparsa - Tuttoggi

Una via per Umberto Ajò, Gubbio omaggia il “suo” poeta a 30 anni dalla scomparsa

Redazione

Una via per Umberto Ajò, Gubbio omaggia il “suo” poeta a 30 anni dalla scomparsa

Gio, 22/07/2021 - 21:06

Condividi su:


Cerimonia di intitolazione con amici, estimatori e parenti, prima in Sala Consiliare e poi con lo svelamento della lapide commemorativa realizzata da Giuseppe Allegrucci

Una via per Umberto Ajò, poeta e scrittore, nato il 25 gennaio 1934 a Gubbio, dove è prevalentemente vissuto, e dove è morto il 28 marzo 1991: l’iniziativa, promossa dal Comune d’intesa con il comitato ‘Movimento Internazionale neoumanista – III° Millennio di Roma’, ha reso omaggio all’uomo e letterato a 30 anni dalla scomparsa, avvenuta a soli 57 anni.

Oggi pomeriggio (giovedì 22 luglio) in Sala Consiliare, dopo i saluti del sindaco Filippo Mario Stirati e dell’assessore Gabriele Damiani, sono intervenuti amici, estimatori e parenti, a ricordare una sfortunata esistenza segnata da lutti familiari, come la morte della sorella Laura, dalle persecuzioni razziali per l’origine ebrea e da una malattia che in giovane età lo costrinse a interrompere gli studi liceali e lo rese quasi cieco. Ajò continuò tuttavia da autodidatta e spaziò in molti campi, dalla poesia alla filosofia, dall’antropologia al folklore, alla psicologia, passando per la politica e la militanza nell’allora PCI, sempre rivelando una natura profondamente passionale e tormentata.

Molte le pubblicazioni in versi che giovarono a Umberto Ajò premi nazionali e una rete di relazioni significative, come quelle con Ungaretti, Antonello Trombadori, Leo Magnino e Walter Mauro. Tra le pubblicazioni in versi ci sono “Fuochi sull’isola” (1956), “Il pianeta incatenato” (1970), “Poesia controvento” (1977), “Galassie e comete per Soledad” (1988); inoltre, il radiodramma “Sinfonia di noviluni” (1959); la monografia “Storia dei Ceri: studio sul folklore eugubino” (1982).

La lapide in marmo che indica ‘Via Umberto Ajò’ è stata realizzata da Giuseppe Allegrucci, di recente eletto presidente dell’Università dei Muratori.

Umberto ha dato molto a Gubbio – ha sottolineato il sindaco Stiratidialogando con il mondo culturale e offrendo occasioni di crescita umana e letteraria per la città. La politica di idee e ideali, che lui praticava e in cui credeva, traccia varchi di liberazione anche nei momenti più difficili per l’umanità: qui sta l’attualità struggente della poesia di Ajò, che incita a non adeguarci al male, e a risollevarci quando la speranza pare venir meno. Questo dobbiamo sottolineare del messaggio culturale di Umberto, questo oggi Gubbio deve onorare in suo nome”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!