Valtiberina, La polizia torna a controllare 20 laboratori tessili cinesi/ A norma 13 di questi, 7 abbandonati - Tuttoggi

Valtiberina, La polizia torna a controllare 20 laboratori tessili cinesi/ A norma 13 di questi, 7 abbandonati

Redazione

Valtiberina, La polizia torna a controllare 20 laboratori tessili cinesi/ A norma 13 di questi, 7 abbandonati

Gio, 12/12/2013 - 17:10

Condividi su:


Nei mesi di maggio e giugno scorsi, il Commissariato di Città di Castello, aveva effettuato un’intensa attività di verifica e controllo nei confronti di laboratori tessili presenti sul territorio dell’Alto Tevere; i riscontri avevano evidenziato come un buon 80% delle attività tessili fossero gestite da persone di etnia cinese. Ecco i numeri delle operazioni di Polizia: 34 laboratori tessili cinesi controllati; 123 lavoratori cinesi (43 erano donne) sottoposti a verifica, di cui 5 clandestini e 17 “in nero”. Le sanzioni per quest’ultimi ammontarono a 19’500 euro (1500 euro per ogni singolo lavoratore). Ci furono ben 5 sospensioni di attività produttive e 8 laboratori destinati allo sgombero e al ripristino.
Per verificare se le irregolarità emerse allora fossero state corrette nel tempo, a distanza di mesi, è stata dunque programmata e realizzata un’altra attività di accertamento. Nelle ultime tre settimane, infatti, sono stati controllati complessivamente 20 laboratori esistenti alla Camera di Commercio; sette di questi, distribuiti tra i Comuni di Città di Castello, Citerna, Pistrino, San Giustino, non esistono più: i locali sono risultati abbandonati da tempo e le apparecchiature trasferite. I restanti 13, alcuni dei quali non a norma durante i primi controlli, sono risultati assolutamente regolari, sia nello svolgimento delle attività lavorative, che sulle posizioni contributive e di soggiorno degli stessi lavoratori. Solo in un caso, nel Comune di Citerna, frazione Pistrino, è stata inoltrata una specifica segnalazione agli amministratori comunali ed agli assistenti sociali, perché venisse affrontata una situazione di estremo disagio sociale di una famiglia cinese, titolare di un’impresa a carattere familiare.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!