A Vallo di Nera apre la Taverna del Bordone - Tuttoggi

A Vallo di Nera apre la Taverna del Bordone

Redazione

A Vallo di Nera apre la Taverna del Bordone

Un centro di valorizzazione delle produzioni locali nato dalla concertazione e dalla solidarietà
Lun, 06/06/2016 - 17:37

Condividi su:


Gli abitanti e i tanti turisti provenienti anche da fuori Regione, il 2 giugno  hanno festeggiato a Vallo di Nera l’apertura della Taverna del Bordone.

Il nuovo punto di ristoro e di valorizzazione dei prodotti tipici del luogo, inaugurato a pochi giorni dalla manifestazione ‘Fior di Cacio’ (11 e 12 giugno), è collocato in una struttura di proprietà del Comune di Vallo di Nera e della locale Comunanza (ASBUC) presieduta da Riccardo Gentiloni. Si trova in posizione panoramica all’ingresso del paese e permetterà di gustare ricette tradizionali nonché di acquistare produzioni agroalimentari tipiche.

I gestori della Taverna sono Carla e Sante Alunno Mancini, una coppia che ha deciso di ritornare in Umbria dopo aver abitato per tanti anni a Pomezia,  che possiede esperienza ristorativa e che ha collaborato con gli eventi di  ‘Gambero Rosso’.

La costruzione dell’edificio che ospita la nuova attività è stata realizzata grazie all’impegno di diversi Enti e Associazioni. Oltre all’Asbuc e al Comune hanno concorso al compimento dell’opera il Consorzio Bim Nera -Velino, la Regione dell’Umbria con i fondi TAC,  CGIL-CISL-UIL e Confindustria nazionale che – come ha ricordato Giovanni Ciani ex sindacalista presente all’inaugurazione -subito dopo il terremoto del 1997, raccolsero fondi a favore delle popolazioni di Umbria e Marche, gravemente colpite dal violento sisma. Ogni lavoratore versò un’ora di salario, e l’azienda da cui dipendeva una cifra di pari importo, cosicché nell’arco di una settimana furono raccolti oltre due miliardi di lire destinati alla ricostruzione di danni materiali e alla ricostituzione del tessuto sociale ed economico. La struttura, a due livelli sfalzati, è stata eretta dalla ditta Lesa di Norcia.

La Taverna del Bordone prende il nome dal bastone dei tanti viandanti e pellegrini che attualmente e nella Storia hanno percorso le strade della Valnerina; per Vallo di Nera costituisce un punto di riferimento importante, segno di vitalità, di valorizzazione dei luoghi e delle produzioni, indice di accoglienza e di ritorno al paese.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!