Vallo di Nera, 40 espositori animeranno il piccolo borgo per "Fior di Cacio" - Tuttoggi

Vallo di Nera, 40 espositori animeranno il piccolo borgo per “Fior di Cacio”

Redazione

Vallo di Nera, 40 espositori animeranno il piccolo borgo per “Fior di Cacio”

Mar, 04/06/2013 - 16:10

Condividi su:


Vallo di Nera, 40 espositori animeranno il piccolo borgo per “Fior di Cacio”

Saranno circa 40 gli espositori che questo fine settimana animeranno il borgo di Vallo di Nera dando vita a “Fior di Cacio”, la manifestazione dedicata alle produzioni lattiero casearie dell'Umbria e del centro Italia. A 11 anni dalla prima edizione (la prima è stata nel 2003), l'iniziativa è ormai divenuta una delle più importanti a livello umbro, tanto da essere sostenuto dalla Regione Umbra tramite il Piano di sviluppo rurale. “Anche quest'anno siamo riusciti a portare numerosi produttori – spiega il sindaco Fausto Dominici – in quello che è uno dei borghi più belli d'Italia e bandiera arancione del Touring club, due riconoscimenti che per noi sono un grande vanto. Avremo con noi aziende locali, ma anche provenienti da altre parti del centro Italia. Il nostro obiettivo è quello di promuovere i prodotti tipici della Valnerina e di incrementare le presenze turistiche in questo piccolo comune. Ma Fior di Cacio sarà solo il primo evento in programma”.

Il 20 giugno, sempre a Vallo di Nera, infatti ci sarà una grande festa a conclusione del progetto “Dall'ottava rima al rap”, promosso dalla scuola media con la collaborazione della dottoressa Glenda Giampaoli e di Riziero Flamini, storico cantastorie di Vallo. Le antiche storie sono state quindi mixate con la musica dei giorni nostri grazie all'apporto di un famoso deejay italiano che sarà presente all'iniziativa di conclusione del progetto.

Il 13 e 14 luglio, invece, si terrà “Sui sentieri del Coscerno”, manifestazione promossa dai Comuni di Poggiodomo, Sant'Anatolia di Narco e Vallo di Nera (http://www.suisentieridelcoscerno.it) con un ricchissimo programma. Si proseguirà poi per tutta l'estate con altre manifestazioni “storiche”: da Festivallo alle varie sagre nelle frazioni, come quella della lumaca di Meggiano.

Quanto a “Fior di Cacio”, l'inaugurazione si terrà sabato 8 giugno alle ore 10 alla presenza dell'assessore regionale all'agricoltura Fernanda Cecchini ed alle autorità locali. Quindi, alle ore 11, nella sala del Convento di Santa Maria, è in programma il convegno “Il formaggio: piacere e utilità”, organizzato in collaborazione con l'Università dei Sapori di Perugia. Per tutta la giornata di sabato (fino alle 20) e poi anche la domenica sarà aperto “Le vie del cacio”, esposizione e degustazione di formaggi e prodotti umbri all’interno delle antiche cantine del borgo. Due poi i punti in cui si potrà gratuitamente mangiare formaggio alla piastra e prosciutto. Per tutta la durata della manifestazione ci saranno anche animazioni musicali, spettacoli per bambini, una mostra fotografica sulla Valnerina, passeggiate a dorso di asino, ma soprattutto “I mille matrimoni del formaggio”, educational (gratuiti su prenotazione) alla scoperta dei migliori abbinamenti culinari ed enologici possibili per i prodotti caseari.


Condividi su:


Aggiungi un commento