UN VIDEO (ANONIMO) SU SPOLETO SCATENA I NAVIGANTI. IL TESTO. IL VIDEO - Tuttoggi

UN VIDEO (ANONIMO) SU SPOLETO SCATENA I NAVIGANTI. IL TESTO. IL VIDEO

Redazione

UN VIDEO (ANONIMO) SU SPOLETO SCATENA I NAVIGANTI. IL TESTO. IL VIDEO

Mer, 26/09/2007 - 08:46

Condividi su:


Sta facendo il giro del mondo “Spoleto is burning”, il video in dialetto spoletino realizzato da un anonimo e disponibile su Youtube: con più di 1.400 cliccate in meno di due settimane è uno dei filmati più visti. L’autore, tale “lapomarini”, si è ispirato alla più nota “Milano is burning” del dj Frangetta per decantare – in una versione originale anche se boccaccesca e un tantinello volgare – luoghi e personaggi della città. Intanto si è scatenata la caccia all’autore, che denuncia quella spoletitudine già da tempo segnalata da un indimenticato amico di TO®. Qualche indizio sembra scovarsi fra le righe del testo: ha studiato al Pontano Sansi ed ora sarebbe iscritto all’Università di Bologna. Indizi però che potrebbero esser stati inseriti di proposito nella canzone per sviare i più curiosi. Eccoli dunque citati i potenti della città e i meno potenti, ma altrettanto conosciuti, come Serafino dell’omonimo bancone dove si può acquistare la porchetta. Non mancano alcuni fra i più noti esercizi pubblici come Zucchero, il Gp Cafè, il Bar Catarinelli, i supermercati Vega, Eurospin, Tigre. E tante frasi e modi di dire in dialetto spoletino. Autentico.
Il Testo:
“no non so de terni So de Spoleto
pjamo la curva de picchi a palla
me compro li carzuni da zucchero
scappo li da rotini
me so fattu u quòdd
me faccio vedé li davandi al gp moto cafè
me drogo per fa li vaporetti
jemo al rèd zòn ma io éndro solo al privè
canguro canguro vai sul sicuro
me le pjo gròsse
c'ho la mini c'ho la smart c'ho lu girasole su u maggiolone
va via co quillu cazzu
io so tandu mattu
faccio le vasche in borgo
passo in piazza e vedo chi ci sta li davandi a catarinelli
non c'ho na lira pe cacciamme un òcchiuperò me vesto da zucchero o da via del corso
u festival non è più quillu de na vòrda
era mejo quanno era pegghio
me frega un càzzu basta che campo
brunini e u vescovo se màgnano un pò più scoppiano
me drogo pe fa li vaporetti
a me me basta che respira
me pio un borghetti me pio nà cères
jemo al baretto
so iscrittu su baduu
me lavu u picchiu e scappo
è come vedé un pòrcu che batte a macchina
è come vedé un pòrcu su i pattini
faccio spesa al ducato al tigre alla vega all eurospin
voglio annà a fa uomini e dònnne
quannu lu furnu è callu basta na fascina
regà fascémo sega e annamo a villla redenda
pio la porchetta de serafinu
ce manca sempre un sordu pe fa na lira
jemo a vedé un pò de figa a folignu
jemo a u nait a torricella
no non jemo a u nait a torricella che c'ho paura de incondrà quarghitunu che conosco
a spoleto non ci sta un cazzu da fa
su lu cumune se màgnano anchi la croce
a brunì ce magnamo du sargicciette?
a nò sta zitta sennò te manno a san paolo su da li vécchi
fumo le sigarette fino all'ogna
lampegghia tronegghia e fa diàvulu e pegghio
do annamo a fa dannu massea?
hai vistu? li u bar de i gemelli hanno rinnovatu tuttu
jemo alli giochi?
non vago mae a messa

ma a natale me faccio vedè al Duuomo
lavoro alla maran
tutti lavorano alla maran
ho fatto il classico e vado all'università a bologna
a pécchia è pécchia mica è copertòne sennò eriàmo tutti gummisti
jemo all hop stor
jemo da cucchiarone
jemo a facce du lampade
circhi lavuru? parla co d'attanàsiu
uà, uà, uà
pollai cazzu
mallai cazzu
sci cazzu!
so ggusti dice u cane che se lecca u pìcchiu
ma che è quiilu fregnu davanti a la stazione
che te spojasse un fùrmine e t'arvestesse un dronu
jemo a spoletu ardu
ma dò vai a spoletu ardu che non ci sta mae un postu
u presidende de a fondazione festival me pare un bulldòg
vado a pesca ju la marrogghia
sendi che impiandu che ho missu su la macchina?
vado sempre all'inaugurazioni delle filiali nove della banga de antonini
vado a vedé i balletti de u festival anche se me fonno cagà
hai vistu? lu fju de antonini sè sposadu in america
so passatu cu u giallu
me l'avronnu fatta la murda le macchinette de li semàfuri cu u giallu?
un corbu a chi ce la messe
jemo a pja u sole a montelugu
jemo a san luca
jemo alla fratta
jemo a san brizio
jemo al cico
jemo alla madonna della stella
sennò famo na bella cosa
jemo a facce danculu”


Condividi su:


Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!