UN DETTAGLIATO COMUNICATO SUL PD - Tuttoggi

UN DETTAGLIATO COMUNICATO SUL PD

Redazione

UN DETTAGLIATO COMUNICATO SUL PD

Lun, 08/10/2007 - 16:10

Condividi su:


” La data del 14 ottobre si avvicina e l'Italia è chiamata a un appuntamento straordinario di politica democratica. Ci saranno le elezioni primarie per la scelta delle persone sia a livello nazionale che territoriale per andare a comporre l'importantissima fase dell'Assemblea Costituente del futuro Partito Democratico e l'elezione del Segretario politico.

Una fase che durerà alcuni mesi e nella quale verranno discusse e approvate regole per lo statuto del futuro soggetto politico. All'elezione del Segretario politico del nuovo partito è stata affiancata anche l'elezione del Segretario Regionale.

I candidati alla funzione di Segretario politico nazionale sono 5:Walter Veltroni, Rosy Bindi, Enrico Letta, Mario Adinolfi, Piergiorgio Gawronsky.

In Umbria, nei sette collegi si presenteranno sole tre di questi candidati: Walter Veltroni , Rosy Bindi ed Enrico Letta.

Ogni candidato Nazionale è affiancato da un Segretario regionale che in Umbria saranno rispettivamente Maria Pia Bruscolotti per Veltroni, Serena Innamorati per Rosy Bindi e Sandro Corsi per Enrico Letta.

Nel Collegio 5 che corrisponde all'area Spoleto-Foligno- Valnerina si presenteranno solo Walter Veltroni e Rosy Bindi, con i rispettivi candidati alla Segreteria regionale.

A sostegno di questi candidati si presentano 3 liste per Veltroni e una per Rosy Bindi.

Le tre liste per Veltroni sono: la n. 1 “Democratici per Veltroni”, la n. 2 “A sinistra per Veltroni” e la n. 3 “Con Veltroni, ambiente, innovazione e lavoro”.

Si vota il 14 ottobre dalle 7.00 alle 20.00. Si può votare età minima 16 anni essendo: cittadino italiano, cittadino europeo con residenza in Italia, o cittadino di un altro paese con permesso di soggiorno in Italia. Per votare basta un documento d'identità e la tessera elettorale.

Le schede sono due: una per l'Assemblea Costituente Nazionale, l'altra per quella Regionale. Si vota mettendo una croce su una sola delle liste, scegliendo il leader votando una tra le liste che lo sostengono.

Il contributo minimo per il voto è di solo 1 euro.

Le pari opportunità sono interpretate alla lettera dal PD: le liste sono tassativamente composte alternando donne e uomini. E donne sono anche metà dei capolista.

Queste le informazioni minime generali.

Ora veniamo alla lista che vede protagonisti alcune persone di Spoleto, la n. 2 “A sinistra per Veltroni”.

Questa la lista nazionale:

  • 1. MISMETTI NANDO
  • 2. CORRENTI RITA (Spoleto)
  • 3. BINI BRUNO
  • 4. RONDONI SERENA
  • 5. RASPA ALESSANDRO (Spoleto)
  • 6. MATTIUZZO MICHELA

Questa la lista regionale:

  • 1. NOCCHI AZZURRA
  • 2. RIOMMI VINCENZO
  • 3. FEDELI ALIANTI VALIA (Spoleto)
  • 4. FLAGIELLO JOSEPH
  • 5. PAGGI SABRINA
  • 6. MATTIOLI ALDO (Spoleto)
  • 7. CICCOLARI MICALDI AMBRETTA
  • 8. MATTIOLI STEFANO
  • 9. SOTGIU GIOVANNA MARIA
  • 10. TUFO MICHELE
  • 11. SPAZIANI LAURA
  • 12. FAGIANI CORRADO

L'appello che facciamo è quello di votare la lista che possa portare alla fase costituente più persone possibile di Spoleto, insieme ai candidati delle altre liste, poiché il nostro territorio deve essere rappresentato da subito e a tutti i livelli. Per questo proponiamo la lettura delle linee guida della lista n. 2 “A sinistra per Veltroni”.

1. Quello che vogliamo è un Partito Democratico che sappia includere i valori del socialismo, che promuova l'incontro con forze popolari e culture della tradizione cattolico-democratica, liberaldemocratica ed ecologista. Un Partito Democratico fondato sulla promozione delle pari opportunità e sulla valorizzazione delle donne e dei giovani in tutti i luoghi della vita pubblica: che non perda la sua caratteristica di forza popolare e di massa.
Un Partito Democratico che non abbia paura di cambiare a fondo le strutture del potere – dai rapporti di lavoro alle istituzioni – né di contrastare le cristallizzazioni sociali e gli interessi dei più forti.
È compito della sinistra riformista favorire e rafforzare la partecipazione al Pd di forze antiche e nuove, oltre il binomio Ds-Margherita: in questo quadro, sollecitiamo anche la partecipazione di chi viene dall'esperienza dei socialisti italiani, nella prospettiva di un futuro incontro con la Costituente socialista, che è in via di formazione.

2. Sosterremo il primato del lavoro (in tutte le sue forme: lavoro dipendente e lavoro autonomo), la sua qualificazione e valorizzazione; più cultura e più diritti; più regole contro la precarietà e l'incertezza. Il nostro obiettivo è restituire la rappresentanza politica al lavoro. Riproporre il valore sociale del lavoro. Ci proponiamo l'obiettivo della redistribuzione della ricchezza dalla rendita al lavoro. La competizione nella globalizzazione non deve avere come presupposto prioritario la riduzione del costo del lavoro, bensì la qualità di prodotto e di sistema.
Quindi, ci poniamo l'obiettivo di un modello sostenibile orientato a migliorare le condizioni dei vita delle persone. La crescita del paese, delle sue risorse, della sua capacità di innovazione sarà più determinata e solida, se realizzeremo obiettivi di trasformazione e di giustizia sociale; se assumeremo come principio ispiratore l'idea di uguaglianza: nei rapporti fra cittadini ed istituzioni, nell'esercizio delle libertà, nella formazione e nell'accesso al lavoro, nelle opportunità che si offrono a ciascuna persona.
Difendiamo la funzione e il ruolo nella piena autonomia delle organizzazioni sindacali. Porre al primo posto l'uguaglianza delle opportunità e la lotta ai privilegi significa operare per una riforma profonda dei rapporti sociali e civili e per un Welfare fattore di sviluppo.
Significa cambiare il clima morale del paese. Ugualmente essenziale è l'impegno per i diritti e per le libertà: tra queste la libertà d'informazione, tante volte calpestata.

3. Siamo convinti che il Partito democratico debba avere un legame organico con il Partito del socialismo europeo. Intendiamo contribuire all'unità delle forze riformiste europee, che il Pse esprime, partecipando attivamente alla definizione e all'arricchimento di un patrimonio ideale e programmatico comune.

4. Sosterremo la laicità delle leggi e dello Stato. Le norme che vincolano i comportamenti collettivi non possono essere scritte in funzione di un'obbedienza religiosa. Le istituzioni devono garantire un terreno comune per l'integrazione e la pari dignità di ciascuno.
5. Affermiamo il principio della responsabilità verso la natura e le future generazioni. La missione di una sinistra moderna e innovatrice è porre rimedio alla febbre del pianeta, alla riduzione della biodiversità e agli inquinamenti; è lavorare per lo sviluppo sostenibile.
6. Alle domande diverse di innovazione e giustizia sociale che vengono dal Paese, dobbiamo rispondere con una democrazia capace di decidere e sburocratizzare i rapporti fra cittadino e Stato, con una lotta senza tregua contro il crimine e le sue cause, contro la mafia e gli alleati della mafia.
7. È la prima volta nella storia italiana che tutte le forze della sinistra sono insieme al governo, in un'intesa organica con forze di centro. È un fatto positivo. Dobbiamo rilanciare l'azione del governo, garantire la sua unità, rafforzare la sua azione riformatrice, in base al programma del 2006.
Sbaglia chi delinea o ipotizza un cambiamento di alleanze e in particolare una esclusione della “sinistra radicale”. Ciò significherebbe dichiarare pubblicamente la sconfitta della politica che insieme abbiamo costruito.
Abbiamo il dovere verso l'Italia di andare avanti, più decisi, nel cambiamento, nell'impegno riformatore per la giustizia sociale e per moralizzare la vita pubblica. Abbiamo il dovere di vincere uniti la battaglia contro le destre, ancora oggi come ieri guidate dal partito personale di Berlusconi. ”


Condividi su:


Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!