Umbertide, Carizia presenta linee programmatiche | Consiglio comunale approva - Tuttoggi

Umbertide, Carizia presenta linee programmatiche | Consiglio comunale approva

Redazione

Umbertide, Carizia presenta linee programmatiche | Consiglio comunale approva

Il sindaco ha esposto i maggiori punti e obiettivi per il mandato amministrativo 2018-2023, decisi anche i membri delle tre Commissioni consiliari permanenti
Gio, 02/08/2018 - 14:04

Condividi su:


Nella seduta di ieri (mercoledì 1 agosto) del Consiglio comunale di Umbertide, il sindaco Luca Carizia, ha esposto all’assise le linee guida del mandato amministrativo 2018-2023.

Tema su cui l’amministrazione vuole focalizzare al massimo la propria azione è quello della sicurezza, con l’armamento della Polizia Municipale, il potenziamento della videosorveglianza e dell’accordo “Mille occhi sulla città” tra Prefettura, Comune, Forze dell’Ordine e istituti di vigilanza privati, utilizzando anche gli strumenti previsti dal protocollo per il Controllo di Vicinato. L’Amministrazione ha infatti aperto un tavolo di confronto con tutte le Forze dell’Ordine, al fine di incrementare la loro presenza sul territorio.

Sul piano dell’attività urbanistica, l’Amministrazione si concentrerà per avere una nuova visione e un nuovo modello cittadino, composto da centro storico, verde e percorsi urbani (su tutti parco fluviale del Tevere e Pineta Ranieri), viabilità e soprattutto il recupero del rapporto negoziale tra pubblico e privato. Sui lavori pubblici la priorità verrà assegnata all’edilizia scolastica. In particolare verranno avviate le procedure di gara per la realizzazione della nuova Scuola d’Infanzia di via Morandi, dedicata a Marcella Monini. L’ideazione dell’edificio scolastico è tesa a creare un luogo di eccellenza. Oltre a ciò si penserà a tutti gli altri edifici scolastici privi di agibilità, realizzando un percorso che in 3 anni porterà ad avere tutte le scuole del territorio sicure e agibili. Massima attenzione sarà data anche alla scuola di Niccone.

Altri interventi in tema di sostenibilità ambientale riguardano la riqualificazione della ex draga (Serra disabili), nella quale, oltre alle sistemazioni ambientali dell’area, è prevista una struttura da inserire alle persone svantaggiate. Infine è da citare l’intervento sull’immobile “Vignoli” di Preggio, con una parte spettante al Comune che uniti alle risorse di privati permetteranno un adeguamento totale dell’edificio e la possibilità per l’ufficio postale di riaprire nella frazione entro l’anno corrente. Per quanto riguarda il patrimonio pubblico, tra le strutture su cui l’Amministrazione porrà da subito massima attenzione nel dettare le linee guida per la futura gestione ci sono: il magazzino ex tabacchi dell’area PUC 2, la Piattaforma e i Centri di Vita Associativa.

L’intento dell’Amministrazione, sul fronte del sociale e dei servizi, sarà quello di operare per il mantenimento di un alto livello dei servizi alle persone attraverso: la rivisitazione della legge regionale per l’affidamento dell’edilizia residenziale sociale; serra disabili; sostegno a tutte le iniziative di volontariato; attenzione si servizi rivolti alle fasce giovanili; iniziative che permettano l’adozione da parte dei cittadini di un bene del loro quartiere; valorizzazione del sistema delle Farmacie Comunali; rivalutazione dell’organizzazione gestione generale della residenza protetta “Balducci”; rendere il Comune di Umbertide parte del progetto nazionale “Città cardioprotette”; collaborazione con gli enti preposti per il mantenimento dei servizi, con particolare attenzione a ospedale, Centro Salute e ammodernamento delle strutture.

Sulla scuola, oltre a confermare il sostegno al mantenimento qualitativo dei servizi scolastici offerti, verrà favorita l’implementazione di percorsi didattici nelle scuole costruendo una rete di collaborazione con le strutture comunali, al fine di diffondere la conoscenza/consapevolezza della realtà civica ma anche delle realtà imprenditoriali e agricole. Sullo sport l’Amministrazione cercherà invece di incentivare attivamente le varie pratiche, attuando efficientamento e manutenzione delle strutture, ponendo attenzione alle esigenze manifestate dalle associazioni sportive. Sarà una gestione equa e attenta, nella vicinanza a tutto il mondo delle sport con particolare focus ai settori giovanili.

Nel capitolo dedicato alla cultura, riguardo la Fratta dell’800, l’Amministrazione intende rivitalizzare questa iniziativa con una maggiore attenzione e un costante supporto alla gestione. Nell’ambito di una attenta rivitalizzazione del Settembre Umbertidese, la data dell’8 settembre sarà focalizzata come riferimento istituzionale e culturale-religioso. Sviluppare la cultura, integrando la parte pubblica con la ricerca di risorse ed energie dei privati che vogliono alla valorizzazione della città. Altro obiettivo è promuovere il rilancio turistico di Umbertide, sostenendo iniziative che valorizzino il patrimonio artistico-culturale ed enogastronomico. Dare un impulso alle attività museali aprendo tali siti anche a iniziative private. Creazione di un portale web dove saranno inserite tutte le attività del territorio. Organizzazione di eventi legati all’attività didattica, turistica e ricreativa valorizzando il patrimonio artistico locale. Valorizzazione e promozione del centro Mola Casanova.

Per la gestione dei servizi di igiene urbana si attende la gara d’ambito che indirà l’AURI, con la quale sarà definito un nuovo modello di gestione che potrà rivelarsi utile alla soluzione di alcune criticità peculiari. Inoltre, si procederà alla stesura del nuovo Regolamento d’Igiene e Salute Pubblica. Si punterà a una maggiore e più incisiva comunicazione, al fine di ridurre il fenomeno delle discariche abusive anche inasprendo le relative sanzioni.

Oltre all’obiettivo di garantire l’equilibrio della finanza pubblica l’Ente, tenendo conto del contesto socio-economico, si impegnerà a mettere in atto tutte le iniziative adeguate che consentano di garantire una fiscalità equa e un costo dei servizi congruo, ponendo inevitabilmente massima attenzione all’effettivo pagamento di quanto dovuto. Sarà posta massima attenzione alle esigenze della piccola e media impresa, anche mediante la collaborazione con le associazioni di categoria che le rappresentano. Rappresentando Umbertide un polo di riferimento nel settore metalmeccanico a livello nazionale, si sosterranno eventuali protocolli d’intesa col Ministero dello Sviluppo Economico. Dare un nuovo slancio all’economia, adottando un nuovo modello di sviluppo capace di integrare agricoltura, artigianato, alta tecnologia ecocompatibile, commercio e turismo. Adozione di politiche di ascolto attivo per rispondere in modo puntuale alle esigenze commerciali.

La trasparenza amministrativa rappresenta un punto imprescindibile della vita di ogni ente. Oltre a ciò che la normativa prevede, la digitalizzazione e la pubblicità degli atti faranno sì che i cittadini possano verificare quotidianamente l’operato del Comune. La partecipazione attiva dei cittadini è requisito fondamentale per il buon funzionamento dell’amministrazione. Per questo sarà dedicata massima attenzione alle seguenti iniziative: convocazioni speciali del Consiglio comunale sia itineranti che dedicati ai grandi temi della vita cittadina; rielaborazione del modello dei Consigli di Quartiere, incentivando la massima adesione e partecipazione; istituzione, come previsto dal vigente Statuto, del Consiglio comunale dei ragazzi con la funzione di laboratorio civico.

Al termine dell’intervento del sindaco, il presidente del Consiglio comunale Marco Floridi ha aperto il dibattito. In sintesi, gli interventi dei consiglieri che hanno preso la parola: Giovanni Codovini (Umbertide Cambia): “Diciamo no alle linee programmatiche perché abbiamo riscontrato l’assenza di un’attenta analisi e senza di essa è impossibile prendere decisioni. Riteniamo grave che manchi un’analisi delle risorse e del bilancio. Totalmente assenti, inoltre, temi importanti come Centro culturale islamico e Calzolaro”. Lorenzo Cavedon (Lega): “Il nostro gruppo dà pieno appoggio e massima fiducia alla Giunta. Da parte nostra ci sarà massimo sostegno perché crediamo in un governo nuovo e nel cambiamento”. Filippo Corbucci (Pd): “Nelle linee programmatiche mancano progettualità e soluzioni concrete. Deve essere trovata una soluzione per Centro culturale islamico e Calzolaro”.

Conti (M5S): “Mi sarei aspettato obiettivi definiti, per dare risposte ai cittadini. Quello del Centro culturale islamico è un problema che deve essere risolto. Invito la Giunta a mettere nelle linee programmatiche un’ idea per risolvere le criticità del bilancio. Il mio è un no che deve essere visto come un invito a rivedere e a integrare le linee programmatiche”. Ventanni (Pd): “Abbiamo notato superficialità sulle linee programmatiche, che mancano di lungimiranza e proiezioni verso il futuro. Ci saremmo aspettati qualche numero e qualche scadenza sui progetti elencati dalla Giunta”. Caracchini (Umbertide Partecipa): “In questi 5 anni ci sarà la possibilità di mostrare la fattibilità dei progetti proposti. Da parte nostra ci sarà massima disponibilità”.

A conclusione del dibattito, le linee programmatiche sono state approvate con 13 voti a favore (Lega e Umbertide Partecipa) e 4 contrari (Partito Democratico, Umbertide Cambia, Movimento 5 Stelle).

Il Consiglio comunale ha poi approvato all’unanimità la composizione delle tre Commissioni consiliari permanenti. All’interno dell’organismo, alla maggioranza spetteranno 7 membri, 4 all’opposizione.

I Commissione (Partecipazione e servizi istituzionali): Luca Carizia, Lorenzo Cavedon, Giuseppe Cinque, Giovanni Dominici, Claudia Fagnucci, Ettore Spatoloni, Francesco Caracchini (maggioranza), Giovanni Codovini, Giampaolo Conti, Filippo Corbucci, Matteo Ventanni (opposizione)

II Commissione (Sport, cultura e tempo libero): Lorenzo Cavedon, Marianna Franceschini, Vittorio Galmacci, Ettore Spatoloni, Tania Turchi, Moira Ubbidini, Ivano Pino (maggioranza), Giovanni Codovini, Giampaolo Conti, Filippo Corbucci, Matteo Ventanni (opposizione)

III Commissione (Territorio e ambiente): Giuseppe Cinque, Giovanni Dominici, Claudia Fagnucci, Marianna Franceschini, Vittorio Galmacci, Tania Turchi, Ivano Pino (maggioranza), Giovanni Codovini, Giampaolo Conti, Filippo Corbucci, Matteo Ventanni (opposizione).

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!