Ucciso a Chicago, il cordoglio del Comune | Meloni: verità e giustizia, appello al Governo

Ucciso a Chicago, il cordoglio del Comune | Meloni: verità e giustizia, appello al Governo

Massimo Sbardella

Ucciso a Chicago, il cordoglio del Comune | Meloni: verità e giustizia, appello al Governo

Mer, 02/03/2022 - 09:39

Condividi su:


Nato ad Assisi, era cresciuto a Bagnaia | Cordoglio ai familiari, una sorella aveva lavorato in Comune a Perugia | Le indagini della polizia di Chicago

Si indaga sull’omicidio di Diego Damis, perugino di 41 anni, ucciso a Chicago, dove lavorava come barista, forse per una rapina in strada. Diego era uscito intorno alle 6 dal The Cove di Hyde Park, bar di cui era cliente da tempo e dove poi aveva trovato lavoro. Secondo la stampa locale, che cita fonti di polizia, il corpo è stato trovato intorno alle 8.30 lungo South Greenwood Avenue, a 200 metri dalla sua abitazione, colpito con numerose coltellate. Unitile il trasporto all’ospedale dell’Università di Chicago.


Umbro ucciso a Chicago, le parole
della sorella e degli amici


Il fatto che sia stato trovato senza il portafoglio avvalorerebbe l’ipotesi della rapina finita in tragedia. Anche se non convincono le numerose coltellate inferte.

Gli amici e i colleghi del bar dove lavorava, sentiti dalla polizia, hanno negato che Diego potesse avere qualche legame con persone della criminalità. Musicista e appassionato di cucina, si prodigava per aiutare le persone bisognose ed anche per questo era popolare e benvoluto nella zona di Hyde Park.

Nato ad Assisi e vissuto a Perugia, poi il trasferimento negli Usa

Il 41enne era nato ad Assisi da madre sudamericana, Rosa Bejar. Ad aveva vissuto a Perugia, nella frazione di Bagnaia. Nel 2015 aveva deciso di trasferirsi negli Stati Uniti per essere vicino alla madre e alle sorelle.

L’Amministrazione comunale di Perugia, appresa la notizia, ha espresso profondo sgomento per la tragica ed improvvisa scomparsa di Diego Damis, “vittima nella città americana di Chicago di una vile aggressione, probabilmente a scopo di rapina”.

Una sorella aveva lavorato in Comune

Il sindaco Romizi e l’Amministrazione tutta hanno espresso “vivo cordoglio per la scomparsa di Diego Damis”, stringendosi con affetto alla sua famiglia: la madre Rosa, il fratello Andrea, le sorelle Claudia, Patrizia, Miriam ed, in particolare, Laura già dipendente comunale nel corso della passata legislatura.

Da Giorgia Meloni appello al Governo italiano

La leader nazionale di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, chiede che venga fatta piena luce su questo omicidio: “Mi auguro che si faccia presto piena luce su questo cruento omicidio – il suo commento – e faccio appello al Governo italiano affinché si impegni a ottenere verità e giustizia per Diego e la sua famiglia”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!