"Thyssen", una fiaba d'amore e di morte - Tuttoggi.info

“Thyssen”, una fiaba d’amore e di morte

Luca Biribanti

“Thyssen”, una fiaba d’amore e di morte

Prima nazionale per Carolina Balucani e Marco Plini al TerniFestival
Dom, 27/09/2015 - 10:45

Condividi su:


La voce di Radio Luce, una piscina con paperelle gialle e il dramma di un operaio che ha smarrito la sua identità; parallelamente arriva un salvagente, una fiaba, quella di Hansel e Gretel, ma neanche il sogno è una via d’uscita dalla piscina. L’operaio è in vacanza, ha accettato la buonauscita da circa 60mila euro della fabbrica, è uno dei 300 che galleggiano nell’acqua della piscina, è una paperella. Nuota in pochi centimetri, da solo, ringrazia il padrone per i soldi perché “nella piscina non si formano le onde”.

Carolina Balucani, diretta da Marco Plini, nella prima nazionale di “Thyssen”, mette in scena il dramma della solitudine, del lavoro offerto e tolto a piacere dalle multinazionali, senza pensare agli effetti che questa condizione produce su operai e lavoratori.

L’operaio è in uno stato di delirio rabbioso, violento; sputa rancore, grida amore, fingendo benessere, contro chi gli ha tolto il suo ruolo nella catena di montaggio, nonostante l’alienante e ciclico ripetersi delle operazioni che svolgeva in fabbrica.

Arriva il tramonto, poi è l’alba; inizia un nuovo giorno. “Penso alla fabbrica mentre nuoto. Mi piaceva il mio lavoro”, è la terribile confessione della paperella-operaio che per non sentirsi solo inizia a contare le sue simili: “Uno, due, tre…centouno, centodue…duecentotrentatre, duecentotrentaquattro…duecentonovanta”.

È il guardiano dello stagno, arrivato dal piano parallelo dell’incoscienza della fiaba di Hansel e Gretel che ordina all’operaio-Gretel di contare le paperelle e di isolarne sette.

Ordina che quelle sette facciano il gioco dell’incendio. Ecco la regola: devono rimanere più tempo delle altre e se arriva l’onda che incendia devono attivare l’estintore. Ma le paperelle non vogliono giocare, hanno paura che qualcuno non riesca a prendere in tempo l’estintore.

Quelle paperelle prima di diventare animali erano 7 persone, e ognuna di queste sette persone aveva una mamma che ora visita il proprio figlio al cimitero.

È forse questo il picco drammatico più intenso; il riferimento al rogo Thyssen di Torino del 2007, nella dinamica del quale persero la vita 7 lavoratori. Non hanno potuto rifiutare il gioco e le regole imposte dal padrone.

L’operaio è spaventato, l’angoscia gli si è cucita addosso e chiama ancora in soccorso Hansel e Gretel. Ma neanche la fiaba offre il conforto di una carezza, un’illusione. Buio. Si sentono gli spruzzi dell’acqua. Hansel e Gretel non riemergono.

© Riproduzione riservata

ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_terni

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


    trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Grazie per il tuo interesse.
    A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!