Tares, Confcom contro Vus e Comune Campello / Sindaco “da sempre vicini a imprese e cittadini” - Tuttoggi

Tares, Confcom contro Vus e Comune Campello / Sindaco “da sempre vicini a imprese e cittadini”

Redazione

Tares, Confcom contro Vus e Comune Campello / Sindaco “da sempre vicini a imprese e cittadini”

Mer, 29/01/2014 - 15:27

Condividi su:


Sulla Tares, Confcommercio Spoleto passa al contrattacco di Vus e chiede al Comune di Campello sul Clitunno di rivedere al ribasso le tariffe deliberate lo scorso settembre. Alla base della denuncia le risultanze della “dettagliata analisi dei costi affidata ad uno studio legale di Roma che ha riscontrato diverse incongruenze”. Nel mirino la tabella allegata al pian finanziario definita “carente di trasparenza, logicità e congruità”. “Per esempio – sostiene il presidente Andrea Tattini – i costi di gestione non vengono indicati in modo analitico, così che risulta impossibile distinguere il costo del servizio da quello del personale impiegato, con una impropria applicazione dell’Iva sull’intera somma, il che configura un illecito tributario. Mancanza di trasparenza e coerenza viene rilevata non solo sul costo di raccolta e di trasporto, ma soprattutto di trattamento e smaltimento dei rifiuti: i costi di smaltimento a tonnellata ammonterebbero a 156,79 euro, cifra 3 volte superiore ai 55,00 euro per tonnellata indicati dall’Ati 3 Umbria come costo per la lo smaltimento nella discarica di Borgo Giglione”. “Tra gli altri elementi anche le voci di spesa della raccolta differenziata e i costi di gestione: oltre 79 mila euro, che appaiono decisamente esorbitanti considerata la quantità di rifiuti prodotta dal Comune, pari a sole 534 tonnellate annue. Per tutto questo contestiamo al Comune la quantificazione della tariffa attribuita alle singole categorie merceologiche, sia nella parte fissa che in quella variabile, che manca anche di adeguata motivazione”.

“In questo momento sono a Roma con indosso la fascia tricolore a protestare contro il Governo che ha trasformato i comuni in esattori delle tasse – ci dice al telefonino il sindaco di Campello Paolo Pacifici -; detto questo l’amministrazione comunale ha applicato una legge che non codividiamo, anzi personalmente la ritengo vergognosa perché crea nuove, gravi difficoltà alle imprese. Ma non potevamo non applicare né la norma, né le aliquote imposte dal regolamento. Dalle entrate della Tares, vale ribadirlo, nemmeno un euro entrerà nelle casse comunali. Anzi è paradossale quello che è successo: comuni virtuosi come il nostro che hanno approvato il bilancio nei tempi fissati si sono trovati costretti ad applicare la Tares, chi è andato oltre i termini ha potuto applicare la vecchia Tarsu. Mi piace poi ricordare che il livello di tassazione di Campello è fra i più bassi di tutta la regione, a dimostrazione di quanto siamo sempre stati vicini alle esigenze di famiglie, commercianti e imprenditori”.

Non resta che capire se Vus Spa rimetterà mano al proprio piano finanziario.

© Riproduzione riservata

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!