Svolta epocale a Tela Umbra, con i telai dell’800 si lavorerà anche il cashmere - Tuttoggi

Svolta epocale a Tela Umbra, con i telai dell’800 si lavorerà anche il cashmere

Davide Baccarini

Svolta epocale a Tela Umbra, con i telai dell’800 si lavorerà anche il cashmere

Gio, 20/10/2022 - 11:53

Condividi su:


Con il nuovo presidente il laboratorio di Città di Castello pronto al nuovo progetto oltre alla lavorazione di manufatti in lino puro

Il cashmere accanto al lino: nuovi filati su fibre nobili nel rispetto della secolare tradizione e tecnica di lavorazione su telai dell’800 unica al mondo, tramandata fino ad oggi in memoria dei baroni Leopoldo Franchetti Alice Hallgarten. 

Svolta “epocale” a Tela Umbra (unico laboratorio dove vengono prodotti artigianalmente manufatti utilizzando lino puro con macchine manuali ultracentenarie) quella annunciata dal neo-presidente della Cooperativa Stefano Romolini (fondatore e amministratore delegato di Manifatture Cesari) nel corso della visita guidata al museo e laboratorio di palazzo “Alberto Tomassini” alla presenza dei membri del Cda, dell’assemblea dei soci (scuola “Bufalini”, Fondazione Villa Montesca e Tipografia Grifani Donati) del sindaco Luca Secondi e di rappresentanti istituzionali locali e regionali.

Stiamo portando avanti un progetto di tessitura del cashmere, in collaborazione con un’azienda, che fa parte del gruppo Florence come manifatture Cesari. Il progetto che andremo a creare sarà inizialmente basato sulla creazione di campioni realizzati con filato in cashmere oltre alla storica lavorazione del filato in puro lino, tipico di Tela Umbra. L’obiettivo è quello di ampliare la gamma di prodotti per la vendita e dei clienti, sempre nel rispetto rigoroso della tradizione secolare che rende unico questo laboratorio”, ha dichiarato il presidente Romolini proprio accanto al telaio azionato a mano e con la forza delle gambe da Natalia Giulietti, una delle cinque socie-lavoratrici discendenti della gloriosa scuola “Franchettiana”. Le altre maestre artigiane e socie sono Tiziana Bani, Francesca Peli, Marzia Castellani e Mariza Gulinati.

La nomina del nuovo presidente è avvenuta lo scorso agosto nell’ambito dell’assemblea dei soci, riunitasi per il rinnovo del Cda di Tela Umbra, che ha salutato l’ingresso nella compagine societaria della Fondazione Hallgarten-Franchetti Centro Studi Villa Montesca la quale, nel segno della riunificazione ideale del patrimonio culturale e storico dei baroni Franchetti, ha preso il posto lasciato dal Comune di Città di Castello in ottemperanza alle disposizioni della riforma Madia sulle società a partecipazione pubblica.

Con Romolini, sono entrati a far parte dell’esecutivo che guiderà la cooperativa le socie lavoratrici Tiziana Bani e Natalia Giulietti, il presidente dell’Asp Bufalini Giovanni Granci e Angelo Capecci, presidente della Fondazione Villa Montesca. Nella riunione seguita all’elezione, il Cda ha provveduto anche a nominare Tiziana Bani vicepresidente di Tela Umbra e a sottolineare l’espressa volontà di far convivere l’innovazione gestionale e produttiva dell’attività della cooperativa con il mantenimento e la continuazione della tradizione tessile del laboratorio, nel rispetto della volontà dei baroni Franchetti”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!