Stimati in Umbria 1300 sfratti per il 2013: l'allarme di Cgil e Sunia. La situazione peggiora per il prossimo triennio - Tuttoggi

Stimati in Umbria 1300 sfratti per il 2013: l'allarme di Cgil e Sunia. La situazione peggiora per il prossimo triennio

Redazione

Stimati in Umbria 1300 sfratti per il 2013: l'allarme di Cgil e Sunia. La situazione peggiora per il prossimo triennio

Gio, 03/01/2013 - 11:29

Condividi su:


Stimati in Umbria 1300 sfratti per il 2013: l'allarme di Cgil e Sunia. La situazione peggiora per il prossimo triennio

E' un dato allarmante quello che emerge dallo studio di Cgil e Sunia e pubblicato a proposito della situazione abitativa in Umbria. Si intitola “Crisi e sfratti, i numeri del disagio abitativo” e prevede un'analisi previsionale per l'anno appena iniziato: “l'anno che si apre non promette niente di buono per gli inquilini umbri. Le stime realizzate prevedono circa 1300 sfratti per il 2013 mentre, nel prossimo triennio, altre 2000 famiglie umbre potrebbero restare senza un alloggio”. E' l'assessore regionale alle politiche della casa, Stefano Vinti, a commentare l'allarme lanciato dallo studio.

“Le stime – continua in una nota l'assessore – si inseriscono in un quadro nazionale che vede almeno 125 mila famiglie a rischio sfratto per morosità per il 2013. Secondo le elaborazioni di Cgil e Sunia che sono basate su dati del ministero dell'Interno, negli ultimi 5 anni sono stati emessi almeno 290.000 provvedimenti di sfratto, di cui 240.000 per morosità. Nello stesso periodo gli sfratti eseguiti sono stati 140.000 di cui 100.000 per morosità. Secondo le proiezioni ai 150.000 provvedimenti che potrebbero essere eseguiti nei prossimi mesi, se ne potrebbero aggiungere, senza interventi in direzione di una maggiore disponibilita' di abitazioni a prezzi sostenibili e senza forme di sostegno ai redditi delle famiglie, altri 150.000 nei prossimi tre anni. Di conseguenza Cgil e Sunia stimano un totale di 300.000 sfratti verosimilmente eseguibili nei prossimi 3 anni di cui 250.000 per morosita'”.

“Le responsabilita' del tandem Berlusconi-Monti – aggiunge Vinti – sono grandissime. L'abbandono di politiche pubbliche per la casa e l'affidamento al mercato e alla speculazione immobiliare, hanno aggravato le ripercussioni della crisi per le famiglie che, alle prese con le difficoltà economiche e con la perdita di posti di lavoro, non riescono più a far fronte al pagamento dei canoni di locazione. In Italia servono un milione di alloggi per rispondere alla emergenza abitativa sempre crescente, mentre in Umbria si stima la necessità di almeno 10 mila alloggi. La Giunta regionale è stata fortemente impegnata nel fronteggiare la situazione, nonostante la drastica riduzione delle risorse nazionali per la casa”. “Adesso – continua Vinti – occorre una svolta radicale nelle politiche abitative che faccia del recupero, della riqualificazione e della costruzione di nuove abitazioni gli assi portanti di un'azione amministrativa che ristabilisca per tutte le famiglie il diritto alla casa quale diritto fondamentale per la vita degli individui”. (Ale. Chi.)

Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!