Spoleto, campagna elettorale tra “paperoni” e “paperini” / Ecco quanto si spenderà - Tuttoggi

Spoleto, campagna elettorale tra “paperoni” e “paperini” / Ecco quanto si spenderà

Jacopo Brugalossi

Spoleto, campagna elettorale tra “paperoni” e “paperini” / Ecco quanto si spenderà

Dai 40mila euro del centrodestra ai 600 di “Sinistra per Spoleto” / Manifesti e tv le voci più “alte”
Ven, 02/05/2014 - 09:45

Condividi su:


Spoleto, campagna elettorale tra “paperoni” e “paperini” / Ecco quanto si spenderà

Da 600 ad oltre 40mila euro. Tanto hanno intenzione di spendere i 6 candidati sindaci e le liste ad essi collegate per la campagna elettorale. Apparizioni sui manifesti, in televisione, sui giornali. Ma anche passaggi radiofonici e propaganda nelle piazze o su internet. Nonostante la crisi si faccia sentire, i vari schieramenti in corsa per il governo cittadino non rinunciano ad investire denaro per ingraziarsi l’elettorato. Anche se la tendenza generale, va detto, sembra comunque votata ad una certa parsimonia. Le “dichiarazioni preventive” di spesa, dei candidati sindaci in prima persona e delle liste che li sostengono, sono state pubblicate all’albo pretorio online del comune. Vediamole.

Centrodestra – La coalizione più “spendacciona” è quella di centrodestra, che sostiene la candidatura a primo cittadino di Giampaolo Emili. 40.180 euro la cifra che verrà investita per la campagna elettorale, suddivisa tra la candidatura diretta del sindaco (7.080 euro), Forza Italia (8.300), Fratelli d’Italia (2.400), Destre Unite (11.200) e Lista Due Mondi (11.200). Annunci su giornali e televisioni e manifesti elettorali sono i capitoli di spesa in cui la coalizione investirà maggiormente.

Centrosinistra – Tra i “paperoni” c’è anche quella di centrosinistra con Dante Andrea Rossi, che prevede di impiegare complessivamente 38.500 euro. 10mila per l’elezione diretta del sindaco e i restanti così suddivisi: 20mila il PD (fonti interne del partito tengono a sottolineare che la cifra si è quasi dimezzata rispetto al 2009), 5.000 Prima Spoleto Sì, 2.000 Socialisti – Spoleto dei Valori, 1.500 SEL. La “parte del leone”, nei vari capitoli di spesa, tocca alla stampa e foto stampa, seguita poi dalla televisione e dalle cosiddette “spese varie” (postali, affitto locali, automezzi, telefonia, energie elettrica, ecc.).

Rinnovamento – Più contenuta nei costi, anche perché sostenuta da un minor numero di liste, sarà la campagna elettorale del candidato sindaco Fabrizio Cardarelli. Oltre ai 7.950 euro per l’elezione diretta del primo cittadino, le liste “Rinnovamento” e “Spoleto Popolare” spenderanno rispettivamente 2.000 e 1.700 euro, per un totale di 11.650 euro. La maggior parte dei quali, ancora una volta, andrà per la stampa dei manifesti e dei programmi elettorali e per gli annunci pubblicitari in radio e tv.

M5S – Scendendo ancora, rispetto ai costi da sostenere per la campagna elettorale, troviamo il Movimento 5 Stelle che, oltre agli 800 euro di spese varie per l’elezione diretta del suo candidato sindaco Guido Grossi, investirà come lista 6.200 euro: 200 per le spese postali, 2.500 per l’affitto di locali e 3.500 di spese varie per manifestazioni e propaganda. Assenti del tutto, in questo caso, le voci relative alla propaganda radio-televisiva e alle spese tipografiche.

Sinistra – C’è poi la lista “Sinistra per Spoleto” di Maura Coltorti, l’ultima delle formazioni in lizza ad essere presentata pubblicamente e anche la più parsimoniosa in campagna elettorale, visto che tra affitto di locali (200), stampa per la presentazione delle candidature (200) e manifesti elettorali (200) spenderà in tutto appena 600 euro.

Vince Spoleto – Con 48 ore di ritardo rispetto alle altre liste è stata pubblicata all’albo pretorio la dichiarazione preventiva di spesa di “Vince Spoleto”. Massimo Brunini e i suoi spenderanno complessivamente 20.300 euro (cifra che il candidato sindaco supporterà direttamente con 5mila euro) così suddivisi: 4.800 euro per stampa e fotostampa, 10mila euro per propaganda radiotelevisiva, 4.800 per affitti e noleggi, 700 euro di spese varie.

Riproduzione riservata ©

(Articolo aggiornato alle ore 12.44)

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Verisone più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!