SOS sprechi e siccità, dalle sorgenti 50% di acqua

SOS sprechi e siccità, dalle sorgenti 50% di acqua

Redazione

SOS sprechi e siccità, dalle sorgenti 50% di acqua

Mar, 22/03/2022 - 17:18

Condividi su:


Perdite nella rete, a Perugia sono scese al 39% ed è uno dei migliori capoluoghi d'Italia | La tavola rotonda all'Università per Stranieri

SOS siccità, con le sorgenti che hanno il 50% della portata di acqua rispetto allo scorso anno. Nella tavola rotonda che si è tenuta all’Università per stranieri, primo evento perugino della Giornata mondiale dell’acqua e che ha visto confrontarsi amministratori pubblici e studiosi, si è discusso dell’emergenza attuale, che investe anche il territorio locale.

“I cambiamenti climatici – ha detto Tiziana Buonfiglio, ad di Umbra Acque – pesano in modo decisivo sui fenomeni siccitosi. Le nostre sorgenti in questo periodo hanno una portata inferiore fino al 50% rispetto allo scorso anno. Siamo preoccupati, ma organizzati: nel tempo abbiamo attuato una strategia di diversificazione delle fonti di approvvigionamento e una serie di investimenti per garantire una maggiore resilienza delle infrastrutture alle crisi idriche sempre più severe, come quella che probabilmente dovremo affrontare questa estate”.

Perdite scese al 39%

Unitamente a questo c’è l’impegno costante sulla riduzione delle perdite in rete che a Perugia, ad esempio (dati Istat 2020), sono scese sotto al 39%, uno dei dati migliori tra i capoluoghi di regione italiani.

“L’Obiettivo 6 dello sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 parla di accesso universale ed equo all’acqua potabile per tutti – ha continuato Buonfiglio -. E partendo da ciò, nella nostra dimensione territoriale, garantiamo valori sempre crescenti di qualità dell’acqua erogata e depurata, volumi sempre minori di fanghi smaltiti in discarica con oltre settemila analisi effettuate ogni anno sull’acqua immessa negli acquedotti. Nel 2021 – ha concluso – abbiamo inoltre realizzato, con la Regione, le Usl, l’Arpa, l’Auri, i Comuni dell’Alto Tevere, l’Eaut e l’Autorità di Bacino, il primo “Water Safety Plan” in linea con le direttive dell’Istituto Superiore di Sanità per la valutazione e gestione dei rischi associati a ciascuna fase della filiera idrica”.

L’acqua nel Cuore Verde

“L’Umbria è un laboratorio naturale e non c’è luogo più adatto per celebrare la Giornata mondiale dell’acqua – ha spiegato Lucio Ubertini (Unesco, Chair in Water Resources Management and Culture in rappresentanza del Ministero della Transizione Ecologica) -. Questo territorio non è però un parco dove c’è vegetazione spontanea, ma un giardino vero e proprio da curare centimetro per centimetro, da far crescere proprio grazie anche a interventi idraulici tali da renderlo vivibile e inclusivo. Questa è una regione attraversata da un grande fiume come il Tevere e proprio l’acqua nel Cuore Verde è un elemento imprescindibile”.

La mostra

La mostra che si è aperta a Palazzo della Penna – e che proseguirà fino al 5 aprile – racconta con immagini e oggetti la storia moderna degli acquedotti (dal 1890 al 1935) che hanno “dato da bere” a Perugia. L’esposizione allestita da Umbra Acque in collaborazione con l’Assessorato comunale alla Cultura è ricca di spunti per capire come la città abbia storicamente affrontato la questione dell’approvvigionamento idrico.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!