Sos costruzioni, l'appello Cna: "Serve un piano di investimenti pubblici" - Tuttoggi

Sos costruzioni, l’appello Cna: “Serve un piano di investimenti pubblici”

Redazione

Sos costruzioni, l’appello Cna: “Serve un piano di investimenti pubblici”

Indagine sull'edilizia, dati terrificanti | Le proposte dei sindaci per ridare ossigeno
Ven, 23/11/2018 - 18:57

Condividi su:


Sos costruzioni, l’appello Cna: “Serve un piano di investimenti pubblici”

Risorse pubbliche per investimenti e infrastrutture per far ripartire l’economia umbra. Questo l’appello della Cna dell’Umbria, sulla base della fotografia, non certo confortante, “scattata” attraverso i dati he emergono dall’indagine del centro studi Sintesi per conto di Cna “Analisi degli investimenti e degli appalti pubblici in Umbria 2008/2018”. Dati drammatici, che confermano quello che le associazioni di categoria del settore delle costruzioni denunciano ormai da anni, strategie di uscita comprese. La cui presentazione ha offerto un’occasione di confronto tra gli amministratori pubblici e gli imprenditori del settore.

In dieci anni crollo degli investimenti pubblici, appalti dimezzati e permessi a costruire in caduta libera. Sotto le macerie è rimasto il settore delle costruzioni, che paga il conto più salato di questa ecatombe. Ma a farne le spese è tutta l’Umbria, con la sua carenza storica di infrastrutture e le mancate manutenzioni ordinarie.

Serve un piano straordinario di investimenti pubblici che metta mano alle carenze infrastrutturali dell’Umbria – dichiara Mirko Papa, presidente regionale di Cna Costruzioni – ma anche un programma di piccole opere immediatamente cantierabili se vogliamo dare una spinta alla ripresa economica ancora debole e, al contempo, sostenere il settore delle costruzioni, che ha sempre contribuito in maniera determinante al Pil regionale. Perché se è vero che la crisi è stata pesante per tutti, lo è stata in particolare per l’edilizia”.

Le imprese del settore, infatti, sono diminuite di 2.200 unità (-17%, per una riduzione del 4% del totale delle imprese), e hanno perso quasi 12mila occupati. La ricerca conferma che, complice il taglio secco di trasferimenti statali, gli enti pubblici, soprattutto i Comuni, in questi anni hanno tagliato le spese per investimenti tra il 40% e il 50%. A questo dato già drammatico si aggiunge la secca riduzione dei permessi a costruire (-56%), che ha compromesso la dinamica degli introiti dei Comuni, e l’altrettanto secca riduzione degli appalti banditi dalle stazioni appaltanti locali, praticamente dimezzato (-51%) negli ultimi otto anni, un fenomeno a cui non è estraneo il nuovo codice degli appalti, che ha complicato moltissimo le procedure di gara.

L’indagine mostra anche la riduzione della dimensione media e degli addetti per impresa, a dimostrazione di una progressiva frammentazione e destrutturazione  del comparto, un dato in controtendenza rispetto a quello di altri settori, come ad esempio il manifatturiero, dove ad una diminuzione del numero di imprese è corrisposto però un aumento del numero di addetti.

In questi anni il settore non si è solo ridimensionato, si è anche profondamente trasformato. Si sono consolidate le tendenze già registrate negli anni scorsi: cresce ancora percentualmente il mercato delle riqualificazioni, del recupero e dell’efficientamento energetico (+79%), che nel settore residenziale ha schiacciato letteralmente la nuova costruzione, ormai relegata ad un 8% del totale dei cantieri esistenti.

Le riqualificazioni e l’efficientamento energetico – afferma Pasquale Trottolini, responsabile umbro di Cna Costruzioni – hanno ridato un po’ di ossigeno al settore, ma si tratta di pannicelli caldi. Qui serve un autentico cambio di passo, a cominciare dal Governo, che deve puntare di più sulla crescita e in Umbria, ad esempio, dovrebbe fugare i dubbi sulla conferma nella finanziaria dei fondi per le periferie di Perugia e Terni. Ma vogliamo parlare dell’Ikea a Collestrada senza che si sia realizzato il nodo di Perugia? O della ricostruzione ancora al palo? O delle condizioni della viabilità secondaria, in una regione che si vorrebbe vocata al turismo? O, ancora, della messa in sicurezza del territorio? La lista delle cose da fare è lunga, ma se le casse dei Comuni resteranno vuote sarà destinata a restare tale”.

Le proposte dei sindaci

Francesco De Rebotti, sindaco di Narni e presidente dell’Anci Umbria, nel confermare il dato impietoso del crollo dei trasferimenti ai Comuni e, conseguentemente, degli investimenti pubblici, lancia la proposta di destinare parte del consistente patrimonio immobiliare invenduto presente nei comuni alla crescente domanda di edilizia pubblica residenziale. Il sindaco di Perugia, Andrea Romizi, sottolinea la necessità di rimettere in sesto i bilanci comunali, pianificare scrupolosamente gli interventi con le risorse disponibili e essere pronti a cogliere ogni opportunità possibile. Sull’importanza dell’housing sociale, ma anche su quella della capacità di intercettare risorse, conviene anche l’assessore regionale alle Infrastrutture Giuseppe Chianella.

So che ci ripetiamo – conclude Papa – ma se non ripartono gli investimenti pubblici non ci sarà alcuna inversione di tendenza. Né per il settore delle costruzioni, né per l’Umbria”.


Condividi su:


Aggiungi un commento