Socially Correct 2016, premiata la campagna ‘Differenti mai uguali’

Socially Correct 2016, premiata la campagna ‘Differenti mai uguali’

La nona edizione incentrata sul tema degli stereotipi e delle differenze di genere | La tavola rotonda “Educare all’Ugualianza può valorizzare le differenze?”

share

“La visione stereotipata in ruoli “maschili e femminili” spesso limita un reale cammino verso la parità e preclude alle donne opportunità di lavoro e di avanzamento sociale/culturale. Oltre a limitare la reale “integrazione” e partecipazione alla vita della famiglia degli uomini, la persistenza di pregiudizi e stereotipi, su cui si fonda la visione sessista della donna, è alla base del fenomeno della violenza contro le donne”. Questo il tema di grandissima attualità che l’Associazione “Paolo Ettorre – Sociali Correct, presieduta e presentata da Annette Ettorre, ha proposto quest’anno nell’ambito del Festival dei 2 Mondi all’interno del quale si svolge ormai da 9 edizioni. Un premio realizzato anche grazie al supporto e al patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità
A vincere quest’anno lo stage presso il reparto creativo dell′agenzia Saatchi & Saatchi, di cui Paolo Ettore è CEO per molti anni, sono stati due giovani creative, Giulia Premi Giorgia Tronconi, rispettivamente Art Director e Copywriter della Nuova Accademia di Belli Arti di Milano, che hanno lavorato sul tema “dell’eliminazione degli stereotipi di genere” quale condizione “fondamentale per combattere ogni forma di violenza basata sui modelli socio-culturali di donne e uomini, per sradicare i pregiudizi, i costumi, le tradizioni e le altre pratiche basate sull’idea dell’inferiorità della donna o su ruoli stereotipati per donne e uomini”.  La campagna ideata dalle due studentesse sarà veicolata grazie al patrocinio e al sostegno che la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità- attraverso i canali istituzionali con l’obiettivo di “mettere in atto un cambiamento culturale nella società civile sul tema delle “differenze di genere” e la valorizzazione dell’uguaglianza per arrivare all’accettazione della differenza come crescita della persona”.
A margine della premiazione, si è svolta la tavola rotonda “Educare all’Ugualianza può valorizzare le differenze?” coordinata dalla  giornalista della Vita in Diretta di RAI 1, Elena Biggioggero, a cui hanno preso parte Monica Parrella, Presidenza dei Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità, Valeria Fedeli, Vicepresidente al Senato e Linda Laura Sabbadini, statistica sociale. I saluti istituzionali e le conclusioni sono stati affidati al sindaco della città di Spoleto Fabrizio Cardarelli.

share

Commenti

Stampa