Sbancata area vincolata a Norcia, sospeso il cantiere di sindaco e vice - Tuttoggi

Sbancata area vincolata a Norcia, sospeso il cantiere di sindaco e vice

Sara Fratepietro

Sbancata area vincolata a Norcia, sospeso il cantiere di sindaco e vice

Nel mirino i lavori di completamento della lottizzazione di Colle dell'Annunziata fatti senza autorizzazioni
Mer, 04/05/2016 - 13:13

Condividi su:


Il Comune di Norcia ha sospeso i lavori alle opere di completamento della lottizzazione di Colle dell’Annunziata, dopo un sopralluogo effettuato insieme alla Soprintendenza archeologica dell’Umbria. Il motivo? Uno sbancamento non autorizzato di un’area vincolata. Sotto a quella zona, infatti, c’era una necropoli, venuta alla luce nei primi anni 2000 durante la realizzazione del nuovo campo di calcio. Per questo per realizzare la lottizzazione nota come Altavilla-Carucci sono state nel tempo disposte varie prescrizioni, da parte della Soprintendenza e del Comune.

Ma qualcosa non ha funzionato se, come si evince da un’ordinanza pubblicata all’albo pretorio comunale nursino, è stato effettuato uno sbancamento parziale nella zona senza progetto né autorizzazioni. Facile che, come avviene spesso a Norcia, i controlli siano partiti da un esposto. Anche perché a rendere questo abuso edilizio (come si evince dagli atti) una questione ben più rilevante è il fatto che tra i 13 proprietari della lottizzazione, e quindi destinatari dell’ordinanza di sospensione dei lavori firmata dal responsabile dell’area tecnica del Comune, ci sono due amministratori pubblici, e non due qualsiasi, ma il sindaco Nicola Alemanno ed il vice Pietro Luigi Altavilla. Membri di quella stessa Giunta che, in data 2 febbraio 2015, ha deliberato precise prescrizioni proprio relativamente al completamento della lottizzazione, vista l’area archeologica presente. Prescrizioni che appunto riguardano non solo la zona esatta in cui è venuta alla luce l’antica necropoli relativa al II e I secolo a.C., ma anche quelle confinanti, “archeologicamente indiziate”. “Pertanto sarà opportuno – veniva evidenziato nell’autorizzazione paesaggistica fatta propria dalla delibera di Giunta – che ogni progetto ad esse relativo dovrà essere preventivamente sottoposto al parere di questo ufficio”.

L’ordinanza, quindi, “accertato altresì la mancata presentazione della prescritta comunicazione di inizio dei lavori”, intima a 13 persone (tra cui appunto Alemanno ed Altavilla) – che risultano “titolari della Segnalazione certificata di inizio attività del 09/02/2016 prot. 1411, inerente le opere di completamento e variante al piano di lottizzazione zona ‘C’ località Colle dell’Annunziata” – la sospensione dei lavori. Oltre che ai diretti interessati, l’ordinanza è stata inviata anche a Regione Umbria, Ente Parco dei Monti Sibillini, Soprintendenza Archeologica dell’Umbria, Procura della Repubblica di Spoleto – che potrebbe decidere di aprire un’inchiesta in merito – e Polizia municipale, con quest’ultima che dovrà vigilare sulla sua esecuzione.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!