Rinascere nonostante la delocalizzazione in Armenia, la storia di 'Ceramica Noi' - Tuttoggi

Rinascere nonostante la delocalizzazione in Armenia, la storia di ‘Ceramica Noi’

Redazione

Rinascere nonostante la delocalizzazione in Armenia, la storia di ‘Ceramica Noi’

Gli operai di Ceramisia si sono uniti in Cooperativa e hanno investito nel proprio futuro con successo (impresso sulla pelle con un tatuaggio)
domenica, 17/11/2019 - 12:56

Condividi su:


Rinascere nonostante la delocalizzazione in Armenia, la storia di ‘Ceramica Noi’

L’Umbria che non si arrende, che continua a investire ed a impegnarsi per creare lavoro e sviluppo. Un piccolo gesto, ma pieno di significato, il nuovo logo sulla pelle che 11 lavoratori si sono tatuati a luglio per far capire a tutti quanto credevano nelle loro competenze e professionalità. Sono gli operai di Ceramisia ai quali, la scorsa estate, era stata comunicata la delocalizzazione in Armenia.

Dopo i primi attimi di sconforto, messi si fronte alla possibilità di perdere il lavoro, hanno deciso di investire nel proprio futuro e in quello del territorio. Si sono uniti in cooperativa ed hanno fondato ‘Ceramica Noi’, investendovi 180 mila euro, acquistando i macchinari utilizzati dalla vecchia proprietà e affittando un capannone.

E così hanno riconquistato i vecchi clienti, per il 90% negli Stati Uniti, riuscendo a non fermare la produzione e ripartendo di slancio. Dopo mesi di lavoro intenso hanno quindi aperto le porte della fabbrica (oggi, 17 novembre 2019) alla città per festeggiare il successo della fase di start-up e per ringraziare le tante persone ed imprese che hanno sostenuto il loro avvio.

All’inaugurazione, a testimoniare l’importanza per la comunità della riapertura di una storica fabbrica del territorio, ha partecipato anche il Comune di Città di Castello con l’assessore alle Politiche Sociali Luciana Bassini, che ha lodato il coraggio e la professionalità dei soci di ‘Ceramica Noi’: “Sono tre anni che mi occupo di persone che hanno perso il lavoro e credo che esperienze come queste ci possano dare la speranza di un diverso recupero delle attività del nostro territorio”.

Non è stato facile – afferma Marco Brozzi, Presidente di ‘Ceramica Noi’ – ma è stato molto bello. Ci siamo impegnati tutti per far ripartire la fabbrica nel minor tempo possibile, senza interrompere la produzione. Abbiamo lavorato anche 14 ore al giorno ma ci siamo riusciti. Oggi abbiamo organizzato questa festa per ringraziare tutte le persone che ci hanno dato fiducia, dai clienti ai fornitori che ci hanno permesso di ripartire subito a pieno ritmo”.

L’esperienza di ‘Ceramica Noi’ indica una strada percorribile da tante altre imprese in crisi che, anziché cessare l’attività, possono essere salvate dai lavoratori. “Sono più di 500 – afferma Andrea Bernardoni di Legacoop Umbria, che ha seguito la cooperativa nella fase di start-up – le imprese recuperate in Italia dai lavoratori uniti in forma cooperativa dall’inizio della crisi. Sono numeri importanti che però possono crescere nei prossimi anni. Come Legacoop siamo specializzati nel supportare i lavoratori che, come successo con Ceramica Noi, decidono di recuperare l’impresa in cui hanno lavorato per anni”.


Condividi su:


Aggiungi un commento