Quarant'anni fa l'ultimo detenuto lasciava la Rocca Albornoziana: le iniziative per l'anniversario

Quarant’anni fa l’ultimo detenuto lasciava la Rocca Albornoziana: le iniziative per l’anniversario

Redazione

Quarant’anni fa l’ultimo detenuto lasciava la Rocca Albornoziana: le iniziative per l’anniversario

Lun, 28/11/2022 - 09:43

Condividi su:


Da carcere a meraviglioso polo culturale: una due giorni per ripercorrere la storia degli ultimi 40 anni della Rocca e tracciare il suo futuro

Quarant’anni fa l’ultimo detenuto lasciava la Rocca Albornoziana, destinata, dopo un lungo restauro, a diventare l’attuale straordinario polo di attrazione culturale, che ospita il Museo Nazionale del Ducato di Spoleto, convegni, cerimonie, concerti e spettacoli teatrali. Anche per il Festival dei Due Mondi, tra cui quello andato in scena il 5, il 6 e il 7 luglio 1982 nel Cortile d’onore della Rocca albornoziana, con l’opera Sorveglianza speciale di Jean Genet per la regia di Marco Gagliardo, con un cast interamente reclutato fra i detenuti della compagnia Teatro gruppo del carcere romano di Rebibbia. L’esibizione per la prima volta di un gruppo di detenuti in un festival internazionale, fu resa possibile grazie ai permessi concessi dal magistrato Luigi Daga e all’impegno degli educatori Antonio Turco ed Ernesto Padovani, poi direttore del carcere spoletino.

Un anniversario che sarà celebrato proprio alla Rocca il l’1 e 2 dicembre con un convegno dedicato ai quarant’anni di recupero e valorizzazione dell’edificio. A distanza di quarant’anni, la Direzione Regionale Musei Umbria con il Museo nazionale del Ducato – Rocca Albornoz, il Comune di Spoleto e l’Associazione “Amici di Spoleto” intendono ripercorrere i momenti salienti di questo recupero con due giornate di studi che possano gettare anche le basi per una riflessione sul futuro del monumento e sul suo ruolo fondamentale nel sistema museale dell’Italia centrale.

Il programma del convegno

Giovedì 1 dicembre 2022

Rocca Albornoz – Museo nazionale del Ducato di Spoleto

Ore 9:30 – Saluti istituzionali

coordina Donatella Binaglia

– Antonella Pinna, Regione Umbria

– Andrea Sisti, Sindaco di Spoleto

– Chiara Pellegrini, Direttrice carcere di Spoleto

– Candia Marcucci, Presidente Associazione “Amici di Spoleto”

– Camillo Corsetti Antonini, Presidente “Fondazione Antonini”

Ore 10.30 – Prolusioni

– Bruno Toscano, Risalire il colle quarant’anni dopo: una cronologia

– Mario Tedesco: La liberazione della Rocca: guidare i detenuti dal fortilizio alla casa di reclusione di Maiano

– Paola Mercurelli Salari: Sette secoli di storia per la Rocca Albornoz di Spoleto

Ore 13.00 – Pausa pranzo

Ore 14.30 – Prima sessione – Le stagioni dei grandi restauri e delle infrastrutture

Coordina: Antonella Manni

– Bernardino Sperandio: La scoperta e la memoria: i cantieri dal 1982 al 2007 e l’inaugurazione del Museo Nazionale del Ducato di Spoleto

– Francesco Di Lorenzo: Nuove prospettive e rifunzionalizzazione degli spazi: i cantieri in corso

– Giuliano Macchia, La Rocca nella città: la mobilità alternativa da e per la Rocca

Ore 17.00 – seconda sessione: esperienze culturali in Rocca

– Giorgio Flamini:

Sorveglianza Speciale, Wafer, In-visibile, Storia vera, Je est un autre 25 anni di esperienze di Arte e Teatro/Carcere in Rocca: 1982-2022, bilanci e prospettive

– Irene Panfili, Quarant’anni di attività in Rocca

Venerdì 2 dicembre 2022

Salone Antonini della Rocca Albornoz di Spoleto

Ore 9,00 – terza sessione: la Rocca verso una nuova dimensione

Coordina: Rosaria Mencarelli

– Danilo Chiodetti, L’associazione Italia Langobardorum

– Angela Maria Ferroni: Il sito seriale Unesco Italia Langobardorum. I luoghi del potere (568-774) e il Museo Nazionale del Ducato di Spoleto. Relazioni e opportunità di valorizzazione

– Mauro Magrini: “L’ambiente del Colle della Rocca” quarant’anni dopo

– Luca Dal Pozzolo e Rosaria Mencarelli: Il nuovo progetto di valorizzazione e gestione del compendio della Rocca.

12.00 – Conclusioni.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!