Processionarie dei pini,  è il momento di eliminare i bozzoli | I consigli delle USL 1-2

Processionarie dei pini, è il momento di eliminare i bozzoli | I consigli delle USL 1-2

Basse temperature, i bruchi sono nei bozzoli | Opuscolo di Regione Umbria e USL per informare la cittadinanza

share

E’ l’ultimo periodo utile per eliminare i bozzoli delle processionarie che si sono formati sui pini e sui cedri dei nostri giardini. Con i primi tepori primaverili di fine febbraio, infatti, le larve usciranno dai bozzoli e cominceranno a creare disturbo e problemi soprattutto ai cani e ai bambini che corrono sui prati. Affrontiamo subito la problematica anche con i consigli che sono riportati nell’opuscolo “Processionaria del Pino. Modalità di controllo a tutela della salute” realizzato dal Servizio Fitosanitario Regionale della Regione Umbria, in collaborazione con USL Umbria 1 e USL Umbria 2.

L’opuscolo è consultabile dalla pagina Facebook del Portale Disinfestazione o nel PODIS Portale Disinfestazione della USL Umbria 1 nella scheda “Processionarie” e può essere ritirato nelle Sedi Comunali e presso il Dipartimento di Prevenzione delle USL Umbria 1 e USL Umbria 2.

Vediamo ora alcuni dei principali consigli da osservare: rimuovere i nidi mediante il taglio del ramo sul quale si è sviluppato il bozzolo e metterlo in un contenitore con acqua; dopo una settimana si può interrare tutto il contenuto in buche profonde e lontane dalla portata delle persone. Nel caso il nido sia molto alto affidare il lavoro ad una ditta vivaistica che può operare con apparecchiature per il lavoro in quota.

Durante le operazioni di cattura e rimozione indossare sempre occhiali chiusi e mascherina antipolvere. Si raccomanda di non dare mai fuoco ai nidi, perché attraverso l’emissione dei fumi si disperdono le setole urticanti, che possono essere inalate o venire a contatto con la pelle provocando gravi danni.

Contatti:

USL UMBRIA1 – Staff Sviluppo Qualità e Comunicazione

Dr. Stefano Piccardi | Tel. 075 541 2622  | stefano.piccardi@uslumbria1.it

share

Commenti

Stampa