Perugina, al Mise tavolo di confronto contro esuberi | Nuovo vertice a settembre - Tuttoggi

Perugina, al Mise tavolo di confronto contro esuberi | Nuovo vertice a settembre

Cristiana Mapelli

Perugina, al Mise tavolo di confronto contro esuberi | Nuovo vertice a settembre

Nestlè conferma gli esuberi e gli investimenti pattuiti | Le mobilitazioni degli operai per scongiurare gli oltre 300 licenziamenti e chiedere il rilancio del sito produttivo di San Sisto
Gio, 27/07/2017 - 10:06

Condividi su:


Aggiornato alle ore 17

Una parte in presidio al Mise, un’altra in sciopero per 8 ore davanti ai cancelli dello stabilimento di San Sisto. Giornata cruciale, oggi giovedì 27 luglio, per gli operai della Perugina, per cercare di scongiurare gli oltre trecento licenziamenti previsti dalla proprietà e per il rilancio del sito produttivo. Per la Regione c’è la presidente Catiuscia Marini, per il Comune il sindaco Andrea Romizi.

Quattro i pullman che alle 7.30 sono partiti per Roma trasportando una delegazione di lavoratori e sindacati per chiedere una soluzione a una vertenza che va avanti da troppo tempo. A Perugia, invece, adesione massiccia alla giornata di sciopero e circa 70 lavoratori davanti al cancello dell’azienda per io presidie che va avanti da mercoledì sera. A poco più di un anno dalla firma dell”accordo per il rilancio del sito di Perugia, sono stati annunciati 340 esuberisu mille dipendenti.Nella Capitale i sindacati  (Flai Cgil, Fai Cisl, Uila Uil) e la Rsu Perugina ribadiranno il  loro ”no” agli esuberi, oltre alla richiesta di far rispettare l’accordo firmato un anno fa dalla Nestlé per il rilancio della Perugina e dove erano stati annunciati investimenti per 60 milioni di eur

È terminato poco prima delle 14  nella sede del ministero dello Sviluppo economico a Roma l’incontro convocato per discutere della vertenza della Perugina.  Il tavolo di confronto fra vertici aziendali, organizzazioni sindacali e rappresentanti delle istituzioni è stato riconvocato  dal sottosegretario Teresa Bellanova al 27 settembre prossimo.


Rossana e Ore Liete, Nestlè cambia la “ricetta”


Nestlè

Nestlé respinge con forza ogni ipotesi di disimpegno in Perugina: il piano presentato, l’investimento economico in corso e i primi risultati raggiunti nell’export provano che l’impegno per l’insediamento industriale di Perugia è concreto e fondato su solide basi. Lo hanno confermato i vertici di Nestlé Italia, intervenendo questa mattina al tavolo aperto presso il Ministero dello Sviluppo Economico a Roma; all’incontro erano presenti i rappresentanti del Ministero, della Regione Umbria e del Comune di Perugia, dei sindacati nazionali di categoria e delle RSU aziendali dello stabilimento di San Sisto. L’azienda non intende fare alcun passo indietro rispetto agli accordi del piano industriale e del piano occupazionale sottoscritti nel 2016 con i sindacati. I 60 milioni messi a disposizione da Nestlé sono finalizzati alla valorizzazione del sito produttivo e delle sue produzioni di eccellenza. Il riassetto organizzativo è necessario per garantire una produttività virtuosa e vincere così le sfide imposte già oggi dal mercato in veloce evoluzione e per assicurare il futuro allo stabilimento di San Sisto, in linea con gli esempi best in class del settore in Italia e in Europa.

Sugli esuberi Nestlé chiarisce:  nessun ridimensionamento industriale, il piano fotografa una situazione ben nota. Lo stabilimento di Perugia infatti ha usufruito per anni di ammortizzatori sociali che non saranno più disponibili dopo giugno 2018. Per questo parlare di esuberi di organico come di un fenomeno nuovo e inaspettato è sbagliato e strumentale.

L’adesione totale allo sciopero e la grande risposta delle lavoratrici e dei lavoratori che hanno raggiunto Roma in massa con i mezzi organizzati dal sindacato sono un primo messaggio forte e chiaro per Nestlé: la Perugina, la nostra fabbrica, non si tocca”. Così in una nota Vincenzo Sgalla, segretario generale della Cgil dell’Umbria. “Già da ieri sera le lavoratrici e i lavoratori, full-time, part-time, stagionali, insieme alla Rsu stanno presidiando i cancelli, così come stanno facendo altre centinaia di loro compagni insieme a Cgil, Cisl e Uil sotto il ministero a Roma – continua Sgalla – una risposta forte anche a chi in questi mesi ha messo in discussione la credibilità del sindacato e il suo rapporto con i lavoratori e le lavoratrici di San Sisto. In questo momento, così importante per le sorti della fabbrica, di Perugia e dell’Umbria, l’unità è la vera forza che ci permetterà di far tornare Nestlé sui suoi passi”.

Dalla Regione

I lavoratori della Giunta Regionale dell’Umbria sostengono lo sciopero dei lavoratori della Perugina organizzato per oggi dai sindacati di categoria. La RSU aziendale sottolinea come in questo momento sia necessario che tutta la collettività umbra resti al fianco dei lavoratori e delle loro famiglie, fortemente preoccupati per il loro futuro. In particolare nella giornata di oggi, con l’incontro a Roma, nella sede del Ministero dello sviluppo economico (Mise) che si preannuncia fortemente delicata a causa delle posizione di chiusura fin qui tenuta dalla Nestlè che, smentendo il piano concordato nell’aprile del 2016, mette a rischio non solo il lavoro dei 340 esuberi annunciati, ma quello dello stesso storico stabilimento.
L’augurio è che dall’incontro di oggi, invece, possa trovare nuovo slancio l’accordo dell’aprile del 2016 così da ridare tranquillità ai tanti lavoratori e alle loro famiglie.
Se così non fosse, auspichiamo che tutta la collettività perugina e regionale, come in passato già fatto per altre situazioni analoghe, sia vicina, anche con azioni concrete di solidarietà alla lotta dei lavoratori della Perugina.

Senatori umbri

Seguiamo da diverso tempo e con attenzione e preoccupazione la vicenda dello stabilimento Nestlè-Perugina di San Sisto, in Umbria, e non è una buona notizia che Nestlè, a poco più di un anno dalla firma dell’accordo per il rilancio di quel sito, abbia annunciato 340 esuberi su circa mille dipendenti“. Lo scrivono in una nota i senatori Pd umbri Valeria Cardinali, Nadia Ginetti e Gianluca Rossi.

“Da quando è stato sottoscritto l’accordo un anno fa – spiegano – c’è stato lo stop alla produzione delle caramelle Rossana e la vendita della linea dei biscotti Ore liete. Il tempo scorre: gli ammortizzatori sociali come sappiamo scadono a giugno del 2018, e anche questa volta chiederemo un ulteriore proroga, ma bisogna usare questo lasso di tempo per mettere in campo misure che da un lato scongiurino gli esuberi e dall’altro rilancino la produzione industriale della Nestlè-Perugina e il suo stabilimento di San Sisto. Bisogna aumentare l’internazionalizzazione della produzione industriale, per esempio facendo del ‘bacio Perugina’ un prodotto destagionalizzato e in grado di raggiungere i mercati esteri anche durante l’estate e pensare a un vero progetto di rilancio dello stabilimento che nonostante l’uso degli incentivi in uscita non impoverisca San Sisto della sua forza lavoro”. 

Aggiornamenti nel corso della giornata. 

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!