Parti, testi, avvocati: quando l'assembramento è in Tribunale

Parti, testi, avvocati: quando l’assembramento è in Tribunale

Redazione

Parti, testi, avvocati: quando l’assembramento è in Tribunale

Mer, 13/01/2021 - 11:00

Condividi su:


Parti, testi, avvocati: quando l’assembramento è in Tribunale

Scene che a Perugia si ripetono ad ogni giornata di udienza in barba alle misure anti Covid | E c'è chi chiede di vaccinare prioritariamente anche avvocati e magistrati

Persone in piedi, ammassate, a poca distanza l’una dall’altra. Insomma, un assembramento, secondo una parola diventata purtroppo usuale in tempi di pandemia Covid. Siamo a Perugia. Ma non in uno dei luoghi della movida, più volte chiamati in causa in questi mesi.

Siamo al Tribunale penale di Perugia. Dove ogni giornata di udienza si ripete la stessa scena, con parti, testimoni, avvocati che si ritrovano ammassati negli angusti corridoi adibiti a sala d’attesa.

Testi, parti e avvocati tutti ammassati

Per carità, segnali adesivi mettono in guardia dai posti nelle panchine dove non ci si può sedere, per mantenere il distanziamento, e dove bisogna camminare. Solo che, materialmente, manca lo spazio per contenere tutte quelle persone. E così, in attesa che vengano chiamate le udienze iscritte a ruolo per quella mattina, le parti convocate di più processi si ritrovano giocoforza a dover condividere i pochi metri quadrati dei corridoi. Senza finestre.

Scene che in alcuni casi si ripetono anche all’interno delle aule, nonostante il giudice di turno provi a limitare l’accesso in base al numero delle persone ammesse rapportate ai mq dell’aula stessa.

“Vaccino prioritario anche per magistrati e avvocati”

Secondo la procedura adottata durante l’emergenza Covid le udienze dovrebbero essere ridotte, proprio per limitare questi inconvenienti. Ma anche per istruire un’udienza che poi viene rinviata si ripete il rito delle parti convocate e dei testimoni che attendono nel corridoio. Con gli inevitabili assembramenti.

Ecco perché alcuni avvocati chiedono, insieme ai magistrati, di essere inseriti tra le categoria prioritarie per la vaccinazione anti Covid. Altrimenti il rischio, affermano, è quello di bloccare in Italia una giustizia già lenta.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!